Keystone
LUCERNA
11.12.18 - 17:470

Nessun accordo tra l'università e il professore di teologia licenziato

Lo rende noto oggi l'ateneo della Svizzera centrale, che aveva motivato l'allontanamento di Mark con l'interruzione del rapporto di fiducia

LUCERNA - Le trattative tra l'Università di Lucerna e il professore di teologia Martin Mark, licenziato dall'ateneo, si sono concluse senza alcun accordo. L'ex decano della facoltà vuole ora intraprendere un'azione legale contro il provvedimento, che sarà effettivo dal 31 gennaio 2019.

Lo rende noto oggi l'ateneo della Svizzera centrale, che aveva motivato l'allontanamento di Mark con l'interruzione del rapporto di fiducia. Questi a sua volta sostiene di essere stato licenziato a causa di alcune sue domande scomode sulle finanze della facoltà.

La vicenda, che risale allo scorso luglio, ha suscitato scalpore nell'ambiente universitario a Lucerna. Mai nella sua storia infatti l'istituto aveva rotto il contratto con un suo professore. Gli studenti si erano opposti, lanciando una petizione e dicendosi «sgomenti, sbalorditi e delusi» per la decisione. Rimproveravano anche ai responsabili di aver comunicato in modo «maldestro e indegno» e di aver danneggiato la reputazione della facoltà.

Citandone le qualità umane e la conoscenza del Vecchio Testamento, gli allievi di Mark ne avevano dunque chiesto la reintegrazione nel corpo insegnanti. L'ateneo lucernese però non ha ceduto: non essendo stata trovata un'intesa, il licenziamento resta in vigore.

Mark, nato nel 1961 a Friburgo in Brisgovia, in Germania, e consacrato prete nel 1988, era stato nominato professore ordinario a Lucerna nella primavera 2013. Nel semestre autunnale 2014 era diventato decano della facoltà teologica, carica che ha mantenuto fino a primavera del 2017.

Il professore ha da parte sua affermato di rammaricarsi dell'interruzione dei colloqui decisa dalla direzione. Ai negoziati ha partecipato anche il rettore Bruno Staffelbach. La sua intenzione è ora quella di fare annullare il licenziamento da un tribunale.

L'ex decano di teologia aveva già intrapreso un'azione legale in questo senso, ma l'aveva ritirata, a suo dire in segno di buona volontà. Si dice ancora disponibile ad abbandonare la strada giudiziaria e a riprendere le trattative per trovare una conciliazione amichevole.

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
11 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
15 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
BERNA
17 ore
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
21 ore
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
21 ore
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
ZURIGO
21 ore
Dopo la panne, Swisscom gli offre 1'000 franchi di danni
I recenti guasti si sono conclusi con un indennizzo per un imprenditore. L'operatore: «Solo un gesto di cortesia»
FOTO
VALLESE
1 gior
Cinquant'anni fa la valanga su Reckingen, morirono 30 persone
La neve spazzò case e accantonamenti militari nel piccolo villaggio dell'Alto Vallese
BERNA
1 gior
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
1 gior
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
1 gior
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile