keystone
BERNA
07.12.18 - 18:560

«Accordo quadro inaccettabile»

Per l'Unione sindacale svizzera l'accordo comporta uno smantellamento delle misure di accompagnamento e della protezione dei salari

BERNA - L'accordo istituzionale con l'Unione europea, messo in consultazione oggi dal Consiglio federale, comporta uno smantellamento delle misure di accompagnamento e della protezione dei salari. Si tratta di un'intesa inaccettabile per i sindacati che promettono battaglia.

I dettagli dell'accordo presentati oggi dal governo confermano i peggiori timori dell'Unione sindacale svizzera (USS), si legge in un comunicato. Una simile intesa vieterebbe alla Svizzera di proteggere i salari e impedirebbe un miglioramento delle misure collaterali, scrive la confederazione sindacale. La famosa "linea rossa", che il governo aveva promesso di rispettare nei negoziati è stata superata. Per questo l'USS si è detta determinata a combattere questa intesa, se necessario anche con un referendum.

«Con la non decisione odierna, il Consiglio federale ha guadagnato tempo per una discussione pubblica. Il risultato però sarà lo stesso: Travail.Suisse non potrà accettare l'accordo quadro in questa forma», afferma il consigliere nazionale Adrian Wüthrich, presidente della centrale sindacale indipendente. Travail.Suisse difenderà i lavoratori affinché non siano vittime degli interessi dell'economia per l'apertura del mercato all'Ue, precisa un comunicato.

«Le misure di deregolamentazione proposte dall'Ue - riduzione generale del termine di notifica per i lavoratori distaccati, limitazione delle cauzioni esistenti, riduzione dei controlli, impunità di fatto delle imprese in caso di infrazione - costituiscono un attacco di ampia portata contro i salari e le condizioni di lavoro in Svizzera», scrive Unia. «Chi rimette in forse le misure di accompagnamento, rimette in questione anche la libera circolazione», ha aggiunto il sindacato.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
VALLESE
12 ore
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
17 ore
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
19 ore
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
SVIZZERA/KENYA
21 ore
Due arresti per lo stupro e l'omicidio della missionaria svizzera
La 74enne viveva sola ed era stata aggredita per una rapina, le autorità keniane a caccia di una terza persona
SVIZZERA
1 gior
Non c'è mai stato un inverno caldo come questo
Lo sostengono, dati alla mano, MeteoSvizzera: «Una tendenza che probabilmente continuerà anche in futuro»
FOTO
ARGOVIA
1 gior
Würenlingen ricorda l'attentato di 50 anni fa con 47 morti
Durante la commemorazione sono state deposte corone di fiori e accese 47 candele
FOCUS
1 gior
Crypto, un Grande Fratello tutto svizzero
Tutto quello che c’è da sapere su uno spionaggio internazionale che vede coinvolta una società di Zugo
SVIZZERA
1 gior
Erano sulla nave MS Westerdam, svizzeri in quarantena
I test iniziali sui passeggeri erano risultati negativi, ma un'americana si è ammalata. Segreti i cantoni di provenienza
SVIZZERA
1 gior
«Il roaming è una truffa, è il momento di intervenire»
Lo chiede l'associazione dei consumatori, che vorrebbe limiti massimi di prezzo fissati dal Consiglio federale
SVIZZERA / CINA
1 gior
Tornano altri cinque svizzeri, poi la quarantena
Con loro anche due parenti cinesi. Il periodo di isolamento contro il coronavirus lo faranno sul nostro territorio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile