tipress
BERNA
07.12.18 - 11:360

Lotta alla corruzione: «Situazione indegna»

A denunciarlo è la sezione elvetica di Transparency International che parla di «numerose lacune»

BERNA - La lotta alla corruzione in Svizzera è lacunosa, denuncia la sezione elvetica di Transparency International, che giudica la situazione «indegna» e chiede misure urgenti. In occasione della giornata mondiale dedicata a questo flagello, che si celebra dopodomani, la ong fa in particolare riferimento ai numerosi scandali venuti alla luce negli ultimi mesi.

«Le numerose lacune nel dispositivo di prevenzione e gli scandali scoppiati di recente dovrebbero finalmente farci capire che ogni caso di corruzione è uno di troppo», afferma Eric Martin, presidente di Transparency International Svizzera, citato in un comunicato diramato oggi.

Secondo l'organizzazione non governativa (ong), la Svizzera è investita da una serie di problemi di corruzione, tra cui rimborsi di spese eccessivi a politici, donazioni inappropriate ad autorità e funzionari, mancanza di trasparenza nel finanziamento della vita politica, lacune nel sistema contro il riciclaggio di denaro e carenze nel campo delle aziende e delle federazioni sportive internazionali.

Nei casi che coinvolgono «autorità e funzionari, un semplice indizio di corruzione è già di per sé dannoso», avverte Martin. Questi casi rischiano di rimettere in discussione «la fiducia nelle nostre istituzioni, essenziale per il buon funzionamento di qualsiasi democrazia».

Transparency International auspica pertanto l'adozione di misure urgenti. Tra l'altro, chiede una strategia globale contro la corruzione, un miglioramento della Legge sul riciclaggio di denaro, un codice di comportamento vincolante per le autorità, trasparenza nel finanziamento della vita politica nonché un migliore controllo delle federazioni sportive internazionali con sede in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
4 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
6 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
7 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
8 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
8 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
13 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
14 ore
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
14 ore
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile