Keystone
ZURIGO
02.12.18 - 13:030

Condannato per la "quasi collisione", ricorrerà

Il TPF aveva stabilito un pena pecuniaria di 18'000 franchi (60 aliquote giornaliere di 300 franchi) con una condizionale di due anni, a cui vanno aggiunti costi di procedura per 2900 franchi

ZURIGO - Il controllore di volo di Skyguide che è stato condannato dal Tribunale penale federale (TPF) per una quasi collisione tra due aerei ("airprox") ricorre al Tribunale federale (TF) di Losanna.

Il giudice unico del tribunale con sede a Bellinzona aveva condannato il dipendente di Skyguide per perturbamento per negligenza della circolazione pubblica. Nella sentenza, pubblicata il 22 novembre, il TPF aveva stabilito un pena pecuniaria di 18'000 franchi (60 aliquote giornaliere di 300 franchi) con una condizionale di due anni, a cui vanno aggiunti costi di procedura per 2900 franchi.

Il caso riguarda una "airprox" avvenuta il 12 aprile del 2013 nello spazio aereo svizzero tra un apparecchio di Air Portugal (in volo da Lisbona a Praga) e uno di Ryanair (da Pisa a Lubecca). A causa di un comunicazione poco chiara del controllore del traffico aereo e di un conseguente malinteso, l'apparecchio della Ryanair ha iniziato a salire. L'errore ha fatto scattare il sistema di avvertimento a terra. I due aerei hanno quindi ricevuto un ordine rispettivo di aumentare e diminuire la quota di volo. La distanza minima tra loro è stata di 1,4 chilometri in orizzontale e di circa 200 metri in verticale, quando il minimo prescritto è di 9,3 chilometri in orizzontale e di circa 305 metri in verticale.

In un comunicato odierno, l'associazione dei controllori del traffico aereo Aerocontrol riferisce di aver presentato ricorso contro la sentenza del TPF. Non vi è dubbio - sottolinea - che gli atti intenzionali e di grave negligenza debbano essere puniti, ma questo caso non è uno di questi.

«Nelle operazioni altamente complesse della gestione del traffico aereo, i controllori sono sottoposti a un'enorme pressione». La sicurezza - aggiunge Aerocontrol - può essere aumentata solo se tutti i partecipanti al trasporto aereo sono incoraggiati a segnalare errori e incidenti, e quindi solo con un sistema di registrazione dei casi che non preveda sanzioni.

Il tribunale cantonale di Zurigo si sta attualmente occupando di un altro dipendente di Skyguide che nel marzo del 2011 ha dato in rapida successione il permesso di decollare a due apparecchi di Swiss (con un totale di oltre 260 persone a bordo) lungo due percorsi che si incrociano. In primo grado, il tribunale distrettuale di Bülach ha assolto il controllore. La Corte cantonale deciderà il prossimo 12 dicembre.

TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
45 min
Un gruppo di ragazze se le dà di santa ragione
Il pestaggio è avvenuto venerdì a Berna. Tra le duellanti anche una diciassettenne già accusata di aggressione in passato
SVIZZERA
2 ore
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
9 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
15 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
17 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
17 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
20 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
21 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
22 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
22 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile