Keystone
SVIZZERA / FRANCESE
28.11.18 - 08:470

Un accordo con la Procura francese: la preferenza di UBS

Un compromesso a condizioni accettabili per clienti e azionisti, ha spiegato Jean-Frédéric de Leusse, avrebbe dovuto essere la soluzione

PARIGI / BERNA - UBS avrebbe preferito trovare un accordo transattivo con la Procura nazionale finanziaria francese (Parquet national financier, PNF) e pagare una multa nell'ambito della vertenza fiscale che vede accusate la casa madre e la sua filiale francese.

«Di fronte alla vacuità del del dossier, se UBS avesse potuto trovare un accordo ragionevole con la PNF l'avremmo fatto», ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi da Le Temps il presidente della direzione di UBS Francia Jean-Frédéric de Leusse. A suo avviso, un accordo a condizioni accettabili per i nostri clienti e i nostri azionisti (...) avrebbe dovuto essere la soluzione.

Il dirigente ritiene che un processo penale nei confronti di imprese può «diventare una pena di morte ancora prima che la sentenza sia pronunciata». In questi casi la giustizia attuata con una transazione, come è avvenuto per UBS negli Stati Uniti e in Germania, costituisce la miglior soluzione.

In un processo iniziato l'8 ottobre e conclusosi il 15 novembre a Parigi - la sentenza sarà pronunciata il prossimo 20 febbraio - UBS doveva rispondere di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio ("démarchage") e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale. La filiale francese, dal canto suo, era accusata di complicità nei medesimi delitti.

Alla sbarra sono stati chiamati a comparire anche sei alti dirigenti dell'istituto in Francia e Svizzera. Fra loro figura Raoul Weil, ex numero tre del gruppo bancario, già giudicato e poi assolto negli Usa, e l'ex numero due di UBS Francia, Patrick de Fayet.

La PNF ha richiesto una multa di 3,7 miliardi di euro (4,23 miliardi di franchi al cambio attuale) - un importo senza precedenti in Francia - nei confronti della casa madre di UBS. Una multa di 15 milioni di euro è stata reclamata nei confronti della filiale francese di UBS e pene pecuniarie fino a 500'000 euro e due anni di reclusione sono state chieste per i sei ex responsabili dell'istituto. Lo Stato francese, in quanto parte civile, ha rivendicato un risarcimento danni per 1,6 miliardi di euro.

La difesa ha attaccato a tutto campo un atto d'accusa volto a dimostrare un presunto "sistema di frode", ma che non fornisce prove dei presunti reati commessi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
14 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
15 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
16 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
16 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
18 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
18 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
18 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
20 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
CAPO VERDE
1 gior
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile