Keystone
SVIZZERA / FRANCESE
28.11.18 - 08:470

Un accordo con la Procura francese: la preferenza di UBS

Un compromesso a condizioni accettabili per clienti e azionisti, ha spiegato Jean-Frédéric de Leusse, avrebbe dovuto essere la soluzione

PARIGI / BERNA - UBS avrebbe preferito trovare un accordo transattivo con la Procura nazionale finanziaria francese (Parquet national financier, PNF) e pagare una multa nell'ambito della vertenza fiscale che vede accusate la casa madre e la sua filiale francese.

«Di fronte alla vacuità del del dossier, se UBS avesse potuto trovare un accordo ragionevole con la PNF l'avremmo fatto», ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi da Le Temps il presidente della direzione di UBS Francia Jean-Frédéric de Leusse. A suo avviso, un accordo a condizioni accettabili per i nostri clienti e i nostri azionisti (...) avrebbe dovuto essere la soluzione.

Il dirigente ritiene che un processo penale nei confronti di imprese può «diventare una pena di morte ancora prima che la sentenza sia pronunciata». In questi casi la giustizia attuata con una transazione, come è avvenuto per UBS negli Stati Uniti e in Germania, costituisce la miglior soluzione.

In un processo iniziato l'8 ottobre e conclusosi il 15 novembre a Parigi - la sentenza sarà pronunciata il prossimo 20 febbraio - UBS doveva rispondere di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio ("démarchage") e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale. La filiale francese, dal canto suo, era accusata di complicità nei medesimi delitti.

Alla sbarra sono stati chiamati a comparire anche sei alti dirigenti dell'istituto in Francia e Svizzera. Fra loro figura Raoul Weil, ex numero tre del gruppo bancario, già giudicato e poi assolto negli Usa, e l'ex numero due di UBS Francia, Patrick de Fayet.

La PNF ha richiesto una multa di 3,7 miliardi di euro (4,23 miliardi di franchi al cambio attuale) - un importo senza precedenti in Francia - nei confronti della casa madre di UBS. Una multa di 15 milioni di euro è stata reclamata nei confronti della filiale francese di UBS e pene pecuniarie fino a 500'000 euro e due anni di reclusione sono state chieste per i sei ex responsabili dell'istituto. Lo Stato francese, in quanto parte civile, ha rivendicato un risarcimento danni per 1,6 miliardi di euro.

La difesa ha attaccato a tutto campo un atto d'accusa volto a dimostrare un presunto "sistema di frode", ma che non fornisce prove dei presunti reati commessi.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
37 min

Pittori e gessatori firmano per condizioni migliori

Attualmente sono in corso le trattative in vista del rinnovo del contratto collettivo di lavoro

SVIZZERA
43 min

Nuove crepe sugli F/A-18

"L'inconveniente" è stato riscontrato in quindici cerniere degli undici dei 30 caccia finora esaminati. Tuttavia, gli aerei sono sempre disponibili per il servizio di polizia aerea

FOTO
SAN GALLO
3 ore

Basta un solo attimo sulla strada e la Corvette non c'è più

L’uomo al volante ha riportato lievi ferite, mentre per la passeggera è intervenuta la Rega. I pompieri hanno dovuto liberarli dalle lamiere

GERMANIA/SVIZZERA
18 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

SAN GALLO / TURGOVIA
22 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
22 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
23 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
1 gior

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
1 gior

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
1 gior

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile