depositphotos
BASILEA CITTÀ
23.11.18 - 13:440
Aggiornamento : 18:12

Gli scolari mordono sempre di più i loro insegnanti

L'associazione professionale dei docenti sta segnalando sempre più casi. Un pedagogo: «I bambini hanno sempre maggior accesso alla violenza»

BASILEA - È un fenomeno preoccupante quello emerso da un'indagine pubblicata oggi dal quotidiano Basel Bz. La violenza starebbe assumendo una dimensione di rilevo nelle scuole primarie della regione. Gli studenti, infatti, sembrano risultare sempre più aggressivi nei confronti degli insegnanti. Come? Mordendoli, sia durante le pause che nelle aule.

L'associazione professionale degli insegnanti sta segnalando sempre più casi. Nelle cinque settimane trascorse dalla pausa estiva, tre docenti si sono lamentati per i morsi da parte degli scolari.

Il direttore dell'associazione, Jean-Michel Héritier, avverte: «Il fatto che i bambini sotto i due anni mordano è un fenomeno noto in psicologia. Ma se lo fanno in età scolastica significa che non hanno fatto passi importanti nel loro sviluppo», spiega.

Secondo il pedagogo, l'origine di questa violenza infantile affonda le proprie radici nel sistema educativo ricevuto. I bambini piccoli hanno sempre più accesso a film violenti che, prima o poi, trasferiscono a modo loro nella realtà. Lo specialista prende quale esempio l'immagine del cannibale Hannibal Lecter, nel film "Il silenzio degli innocenti".

Gli insegnanti sono spaventati anche dal numero di studenti del primo anno che hanno accesso a videogiochi violenti. «Quando li senti vantarsi di quante teste hanno fatto esplodere ti viene da pensare».

Jean-Michel Héritier riconosce una "impotenza senza precedenti" da parte dei dirigenti scolastici e degli insegnanti nell'affrontare questa situazione. E crede che l'istruzione sia spesso messa da parte a casa. Allo stesso tempo, le differenze tra i bambini stanno crescendo, rendendo l'insegnamento più difficile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
25 min
Annullato il divieto di ingresso per un presunto jihadista
Per il Tribunale amministrativo federale è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il presupposto del divieto è stato considerato insufficiente
SVIZZERA
1 ora
Perchè due banane al muro arrivano a costare 120.000 franchi?
L’esposizione di Cattelan all’ Art Basel di Miami fa discutere. E dalla Svizzera arriva una critica illustre: «I prezzi nel mercato dell’arte sono folli».
SVIZZERA
1 ora
Festa federale di lotta, il primo bilancio sorride
Conti chiusi con un utile di 850mila franchi. Il festival ha attirato 420.000 spettatori
ZUGO / STATI UNITI
2 ore
La crema svizzera che rende il volto di Trump arancione
Il cosmetico, un cosiddetto concealer, è prodotto dalla Bronx Colors di Hünenberg
BERNA
2 ore
Non si hanno tracce di un giovane turista messicano
Il 22enne si sarebbe dovuto recare da Berna a Zermatt
SVIZZERA
3 ore
Roche: anche la quinta generazione al comando
Sette rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese
SAN GALLO
5 ore
Di nuovo apprendista a 46 anni: «In cantiere non ce la facevo più»
La storia di Sandro che ha trovato una seconda vita (e carriera) in un'azienda di autotrasporti, busta paga? 4'000 franchi. L'esperto: «È il futuro»
SVIZZERA
5 ore
Cuba: turisti bernesi puntuali in aeroporto, il volo era già partito
A questi appassionati di salsa non è mai arrivata l'email che la compagnia Edelweiss ha correttamente inviato ai suoi viaggiatori
SVIZZERA
6 ore
Swiss Re vende la sua filiale britannica
ReAssure è stata acquistata per 3,25 miliardi di sterline (circa 4,2 miliardi di franchi) alla compagnia londinese Phoenix Group
BERNA
8 ore
«C'è gente che chiama il 144 migliaia di volte all'anno»
Un bernese è stato recentemente condannato al pagamento di 600 franchi. Dietro simili telefonate, spesso, si nascondono patologie psichiche
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile