Keystone
SVIZZERA
19.11.18 - 10:230
Aggiornamento : 12:39

La prevenzione paga: i casi di HIV scendono del 16%

I test volontari promossi negli ultimi anni hanno permesso un calo dei contagi: sono 445 le persone che hanno contratto il virus nel 2017

BERNA - La prevenzione nel settore delle malattie sessuali trasmissibili paga: lo dimostrano le cifre del 2017, diffuse oggi dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), stando alle quali il numero di casi di HIV annunciati è risultato inferiore del 16% rispetto all'anno prima, a 445 casi.

L'UFSP spiega tale flessione, assai pronunciata, con la politica di prevenzione adottata negli anni passati. «Siamo fiduciosi di trovarci davanti a una svolta», ha affermato stamane davanti ai media Daniel Koch. A fine anni '80, i casi di nuove infezioni erano circa 2 mila l'anno. Dieci anni più tardi erano scesi a quasi 500, per poi risalire. Adesso siamo finalmente sotto la soglia dei 500 casi.

Nei centri di consulenza, il numero di test per rintracciare l'eventuale presenza del virus è cresciuto dell'11% nel 2017 rispetto al 2016.

Questa percentuale aumenta fino al 20% per le analisi eseguite da uomini che hanno contatti contatti sessuali con altri uomini. Questo gruppo è anche quello che ha fatto registrare oltre la metà delle nuove infezioni, indica l'UFSP in una nota odierna.

Globalmente, nell'anno in rassegna, il 78% delle nuove infezioni riguarda gli uomini. Le donne rappresentano solo il 22% dei casi. Due terzi delle donne sono straniere. Tra gli uomini, gli stranieri rappresentano meno del 50%. A livello geografico, il maggior numero di contagi riguarda la regione di Zurigo e di Ginevra.

Secondo l'UFSP, grazie a test regolari è possibile evitare nuove infezioni: una persona che apprende di essere contagiata può incominciare subito la cura, si legge nel comunicato. In questo modo è possibile ridurre al minimo la presenza del virus nel corpo, facendo in modo che la persona interessata non risulti più contagiosa. L'UFSP mette tuttavia in guardia da facili entusiasmi e dall'abbassare la guardia: l'HIV rimane pur sempre una malattia inguaribile.

L'UFSP non si occupa solo di HIV: buone notizie riguardano anche altre malattie sessualmente trasmissibili. Dopo un forte incremento negli ultimi anni, i casi di sifilide, clamidia e gonorrea si sono stabilizzati. Nel 2017, il numero di casi si sifilide annunciati sono stati 754, quelli di clamidia 11'101 e di gonorrea 2809. A parere dell'UFSP è tuttavia ancora troppo presto per affermare se ci troviamo di fronte a un cambiamento di tendenza.

Commenti
 
ste3990 1 anno fa su tio
Per favore correggere: i casi di infenzione da HIV sono diminuiti del 16%. Queste infezioni non hanno niente a che vedere con l'AIDS, che riguarda lo stadio ultimo dell'infezione (la malattia). Ma quando i "giornalisti" di Tio si metteranno a studiare?
red 1 anno fa su tio
@ste3990 Buongiorno ste3990, grazie per la segnalazione, abbiamo corretto. Purtroppo siamo stati tratti in inganno dalla notizia divulgata dall'agenzia stampa svizzera, che parla di AIDS e non di HIV.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
14 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
16 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
16 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
19 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
19 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
20 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
20 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
22 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile