Keystone
SVIZZERA
07.11.18 - 16:190
Aggiornamento : 17:13

Processo a UBS: la Francia chiede 1,6 miliardi di euro

Il risarcimento sarebbe volto a «sanzionare un vasto sistema di frode e riciclaggio di denaro»

PARIGI - Lo Stato francese, parte civile nel processo del gigante bancario UBS a Parigi, ha chiesto oggi un «risarcimento di 1,6 miliardi di euro», pari a circa 1,8 miliardi di franchi, per sanzionare un vasto "sistema di frode e riciclaggio di denaro".

«Sistema di frode e riciclaggio» - L'avvocato dello Stato, Xavier Normand-Bodard, ha denunciato «un sistema degno di Tartufo nel quale le banche pretendono di non sentire, non vedere e non sapere nel nome del segreto bancario».

Egli ha invitato il Tribunale correzionale di Parigi, dove si tiene il processo, a «pronunciarsi su un sistema di frode e riciclaggio di denaro praticato da troppi anni grazie alla compiacenza delle banche, ben pronte a chiudere gli occhi sulla situazione dei propri clienti nei loro paesi d'origine a patto che essi confidino loro degli averi (...) collocati in conti numerati o in trust, fondazioni ecc. basate alle Bahamas o a Jersey».

Multa salata - Rimproveri che UBS - accusata di essere andata a caccia di clienti in Francia fra il 2004 e il 2012 per convincerli ad aprire in Svizzera conti non dichiarati alle autorità tributarie - respinge fermamente. La maggiore banca elvetica rischia, se considerata colpevole, una multa che potrebbe arrivare sino alla metà del valore dei fondi in relazione ai quali sono avvenute le operazioni di riciclaggio, quindi a 5 miliardi di euro.

Concretamente, la casa madre deve rispondere di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio ("démarchage") e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale. La filiale francese, dal canto suo, è accusata di complicità nei medesimi delitti.

La difesa dei banchieri - I banchieri svizzeri hanno ripetuto all'infinito che non erano a conoscenza dei conti non dichiarati di clienti francesi argomentando che la legge non imponeva loro di accertare la regolarità della situazione fiscale dei propri clienti nei loro paesi.

Normand-Bodard ha ricordato che «in data 30 settembre 2015, 3'983 contribuenti francesi (con conti presso UBS) avevano inoltrato dichiarazioni rettificate per un totale di 3,7 miliardi di euro» alla cellula di regolarizzazione aperta a Bercy. Il fatto di rivolgersi a tale organo «è evidentemente il riconoscimento di ciò che si sarebbe dovuto dichiarare», ha affermato il legale.

Inoltre, il fatto che UBS sostenga di effettuare un prelievo alla fonte sugli interessi generati da tali conti - e lo versi al fisco francese - «non esclude la possibilità di perseguimenti per riciclaggio del provento di frode fiscale».

«Questo sistema di riciclaggio dura da anni. Cambierà con gli accordi internazionali di scambio automatico di informazioni. Ma - ha insistito - questo cambiamento non è sinonimo di amnistia. Bisogna rendere conto delle pratiche esercitate».

Il processo è iniziato l'8 ottobre e dovrebbe durare fino al 15 novembre. Le requisitorie sono attese per domani.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il Salone di Ginevra non si ferma
I giornalisti avranno accesso alle sale dalle 14 di lunedì 2 marzo. L'ingresso al pubblico al Palexpo sarà dal 5 al 15
SVIZZERA
2 ore
Richiedenti l'asilo, sospesi i trasferimenti in Italia
La decisione è stata presa dal ministro dell'Interno italiano
BERNA
3 ore
Il dilemma dei residenti di Mitholz
I 170 residenti di Mitholz sono chiamati a prendere una decisione difficile.
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: «Possiamo fare mille test al giorno»
È quanto ha detto oggi il ministro della sanità Alain Berset, parlando inoltre di «collaborazione transfrontaliera»
SVIZZERA
4 ore
Casi sospetti a Neuchâtel: anche tre bambini
Avevano viaggiato nell'area di Milano
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: Novartis blocca il prezzo di 20 generici
Si tratta di farmaci antivirali e antibiotici prodotti da Sandoz
LUCERNA
6 ore
Il carnevale lucernese ha fatto il pieno... e una quarantina di arresti
È il bilancio fornito dalle autorità locali al termine dei festeggiamenti che hanno animato la città e il cantone
SVIZZERA
6 ore
Coronavirus, le aziende vietano la stretta di mano
La diffusione mondiale del virus spinge ad adottare misure di sicurezza
FOTO
SVIZZERA / SPAGNA
9 ore
Bloccati in hotel con due italiani positivi al coronavirus
Famiglia svizzera in quarantena insieme a tutti gli altri ospiti. Infettati un medico lombardo e sua moglie
SAN GALLO
9 ore
Un carro di carnevale forse un po' troppo razzista
Quello di un ex-deputato Udc presentato al carnevale di Wangs: «Per me negro non è mica una parolaccia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile