tipress
BERNA
05.11.18 - 21:340

«Firmare il patto migratorio dell'ONU»

La Commissione del Consiglio Nazionale di politica estera propone al Consiglio federale di approvare il Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione

BERNA - La Commissione del Consiglio Nazionale di politica estera, contrariamente all'omologa delle istituzioni politiche, propone al Consiglio federale di approvare il Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione.

Con 14 voti contro 10 e un'astensione, la commissione della politica estera ha raccomandato oggi di sottoscrivere il "Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration" (GCM) presentando una dichiarazione di riserve della Svizzera.

Venerdì la Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale aveva raccomandato al Consiglio federale, con 15 voti contro 9, di non approvare il testo in questione senza averlo prima sottoposto all'attenzione del Parlamento.

La maggioranza della commissione di politica estera è invece sulla linea dell'esecutivo poiché il patto dell'ONU è una dichiarazione d'intenti non giuridicamente vincolante e le migrazioni sono un problema globale che non può essere risolto a livello nazionale, ha spiegato questa sera alla stampa la presidente della commissione Schneider-Schneiter (PDC/BL).

Il 10 di ottobre scorso, il Consiglio federale ha dichiarato di voler approvare il patto, elaborato sotto la direzione dell'ambasciatore elvetico all'ONU, poiché quest'ultimo risponde agli interessi della Svizzera. L'esecutivo ha comunque previsto ci consultare le commissioni parlamentari di politica estera.

Sostenuto da tutti i paesi membri tranne Stati Uniti, Ungheria, Austria e Australia, il Patto dell'ONU sulla migrazione è stato accolto in luglio all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Dovrebbe essere firmato ufficialmente in una conferenza il 10 e 11 dicembre in Marocco. Elaborato dal settembre del 2016, esso fissa i principi per la gestione dei profughi e dei migranti: lotta contro la tratta di esseri umani, sicurezza delle frontiere, rispetto dei diritti umani, rimpatrio e reinserimento.

Le misure previste divergono con il diritto elvetico riguardo la detenzione in vista di espulsione dei minori di 15 anni: la Svizzera la autorizza; il patto raccomanda di evitarla. L'esecutivo federale ritiene che ciò non impedisca l'adesione al patto dato che ogni stato può scegliere le misure che vuole utilizzare per raggiungere gli obiettivi. E questi ultimi sono sono in perfetta conformità con la politica migratoria di Berna.

TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
55 min
Un gruppo di ragazze se le dà di santa ragione
Il pestaggio è avvenuto venerdì a Berna. Tra le duellanti anche una diciassettenne già accusata di aggressione in passato
SVIZZERA
2 ore
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
9 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
15 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
17 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
17 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
20 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
21 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
22 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
22 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile