tipress
BERNA
05.11.18 - 21:340

«Firmare il patto migratorio dell'ONU»

La Commissione del Consiglio Nazionale di politica estera propone al Consiglio federale di approvare il Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione

BERNA - La Commissione del Consiglio Nazionale di politica estera, contrariamente all'omologa delle istituzioni politiche, propone al Consiglio federale di approvare il Patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione.

Con 14 voti contro 10 e un'astensione, la commissione della politica estera ha raccomandato oggi di sottoscrivere il "Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration" (GCM) presentando una dichiarazione di riserve della Svizzera.

Venerdì la Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale aveva raccomandato al Consiglio federale, con 15 voti contro 9, di non approvare il testo in questione senza averlo prima sottoposto all'attenzione del Parlamento.

La maggioranza della commissione di politica estera è invece sulla linea dell'esecutivo poiché il patto dell'ONU è una dichiarazione d'intenti non giuridicamente vincolante e le migrazioni sono un problema globale che non può essere risolto a livello nazionale, ha spiegato questa sera alla stampa la presidente della commissione Schneider-Schneiter (PDC/BL).

Il 10 di ottobre scorso, il Consiglio federale ha dichiarato di voler approvare il patto, elaborato sotto la direzione dell'ambasciatore elvetico all'ONU, poiché quest'ultimo risponde agli interessi della Svizzera. L'esecutivo ha comunque previsto ci consultare le commissioni parlamentari di politica estera.

Sostenuto da tutti i paesi membri tranne Stati Uniti, Ungheria, Austria e Australia, il Patto dell'ONU sulla migrazione è stato accolto in luglio all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Dovrebbe essere firmato ufficialmente in una conferenza il 10 e 11 dicembre in Marocco. Elaborato dal settembre del 2016, esso fissa i principi per la gestione dei profughi e dei migranti: lotta contro la tratta di esseri umani, sicurezza delle frontiere, rispetto dei diritti umani, rimpatrio e reinserimento.

Le misure previste divergono con il diritto elvetico riguardo la detenzione in vista di espulsione dei minori di 15 anni: la Svizzera la autorizza; il patto raccomanda di evitarla. L'esecutivo federale ritiene che ciò non impedisca l'adesione al patto dato che ogni stato può scegliere le misure che vuole utilizzare per raggiungere gli obiettivi. E questi ultimi sono sono in perfetta conformità con la politica migratoria di Berna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
54 sec
Quei locali che di sera diventano discoteche
Di sera, alcuni bar di Losanna e Romandia si trasformano in discoteca ignorando completamente le direttive Covid-19
SVIZZERA
21 min
Estati estreme: 30 anni fa erano l'eccezione, ora sono la norma
Gli uffici meteorologici di Svizzera, Austria e Germania prevedono che il fenomeno proseguirà negli anni a venire.
SVIZZERA
42 min
Sì all'aiuto alla stampa, sulla base della tiratura
Più è importante, minori dovrebbero essere gli sconti: lo pensa la Commissione delle finanze del Nazionale
BERNA
1 ora
Hacker violano i conti Migros e fanno la spesa per decine di migliaia di franchi
I due cybercriminali sono stati fermati dalle autorità bernesi, la mente del piano sarebbe un 22enne
BERNA
1 ora
Donna priva di vita trovata su un versante del Gantrisch
Si tratta di una 44enne bernese la cui salma è stata recuperata con l'aiuto della Rega, si cercano testimoni
BERNA
1 ora
Negli ospedali svizzeri è arrivato il farmaco anti-Covid
Il medicinale può essere utilizzato da subito per il trattamento dei pazienti affetti da Covid
SOLETTA
3 ore
Un positivo in discoteca, 340 persone in quarantena
Aumenta il bilancio di quelli che dovranno restare chiusi in casa per dieci giorni.
SVIZZERA
6 ore
Strade svizzere sempre più cariche
Lo scorso anno sono aumentate le colonne registrate sulle strade nazionali svizzere.
SVIZZERA
6 ore
Non si ferma la progressione dei contagi
Il numero dei casi registrati in Svizzera tocca quota 31'967. I decessi sono 1'686.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Le corse su richiesta tramite app potrebbero diventare realtà
Da settimana prossima AutoPostale utilizzerà un taxi londinese riconvertito per servire la Valle Verzasca
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile