Tipress
BERNA
05.11.18 - 10:290

Disoccupati over 55: prestazioni complementari fino alla pensione

La proposta della Conferenza svizzera delle istituzioni di azione sociale vuole fare in modo che i lavoratori anziani ritrovino un lavoro con l'aiuto degli uffici di collocamento

BERNA - Gli over 55 anni che perdono il lavoro devono rimanere affiliate agli Uffici regionali di collocamento (URC) fino all'età di pensionamento e percepire le prestazioni complementari invece dell'aiuto sociale. Lo ha ribadito oggi la Conferenza svizzera delle istituzioni di azione sociale (COSAS) che ha presentato due studi in merito.

Questi ultimi mostrano come tale soluzione sia realizzabile rapidamente e finanziariamente sostenibile. «La proposta vuole fare in modo che i lavoratori anziani ritrovino un lavoro con l'aiuto degli uffici di collocamento. Non si tratta di pensionamento anticipato», spiega il copresidente della COSAS Felix Wolffers citato in una nota.

Le prestazioni complementari per lavoratori anziani sarebbero infatti concesse solo alle persone di almeno 55 anni con una lunga attività lavorativa alle spalle. Esse devono inoltre rimanere iscritte agli URC ed essere disponibili per un nuovo impiego.

Per la COSAS sono circa 4000 le persone tra 57 e 62 anni potenzialmente interessate che perdono ogni anno il diritto a percepire le indennità contro la disoccupazione. Secondo uno degli studi presentati oggi i costi supplementari a carico delle prestazioni complementari ammonterebbero a 298 milioni di franchi l'anno.

A questi vanno però sottratti 139 milioni di franchi risparmiati nell'aiuto sociale e 134 nelle prestazioni complementari a carico dell'AVS. Il saldo è dunque limitato a 25 milioni di franchi, spiega la COSAS.

La Conferenza ha presentato anche una proposta di modifica legislativa eurocompatibile. Da notare che le nuove prestazioni sarebbero riservate alle sole persone domiciliate in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tip75 1 anno fa su tio
l'idea sarà anche buona ma come la mettiamo con la sostanza? perché solitamente le pc non si danno a chi possiede soostanza altrimenti vanno restituite e questo entra in conflitto con questa scelta ...
Danny50 1 anno fa su tio
A volte a Berna esce qualche buona idea !
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
2 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
14 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
14 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
18 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
18 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
20 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
21 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
21 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile