Keystone
SVIZZERA
23.10.18 - 11:210

Richieste d'asilo in netto calo

Nel terzo trimestre di quest'anno sono state presentate in Svizzera 3'664 domande, ovvero il 23.6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017

BERNA - Nel terzo trimestre di quest'anno sono state presentate in Svizzera 3'664 domande d'asilo, ossia circa il 23,6% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017. Lo rende noto la Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

Solo in settembre sono state registrate 1'097 nuove richieste, ovvero il 22,1% in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno, si legge in un comunicato odierno. La SEM mantiene le proprie previsioni a circa 16'500 domande per l'intero anno, quando la pianificazione della Confederazione e dei Cantoni si basa su 19'000 domande.

Tra inizio gennaio e fine settembre sono state presentate in Svizzera 11'484 domande d'asilo, ossia il 17,5% in meno rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente. Si tratta della cifra più bassa dal 2010 a questa parte. L'evoluzione è spiegabile in particolare con la forte diminuzione della migrazione attraverso il Mediterraneo centrale. La Svizzera non è inoltre una meta privilegiata dei migranti.

In settembre la SEM ha liquidato in prima istanza 1'749 domande, di cui 279 con una decisione di non entrata nel merito (in 223 casi in virtù dell'Accordo di Dublino), 391 con la concessione dell'asilo e 643 con l'ammissione provvisoria. Il numero di casi in giacenza in prima istanza è diminuito di 527 unità rispetto ad agosto attestandosi a 13'484.

Nello stesso mese 496 persone hanno lasciato la Svizzera sotto il controllo delle autorità o sono state rimpatriate. La Confederazione ha chiesto ad altri Stati Dublino la presa in carico di 469 richiedenti asilo, mentre 161 persone sono state trasferite nello Stato Dublino competente. Dal canto suo, Berna ha ricevuto 475 domande di presa in carico Dublino e 96 persone sono state trasferite in Svizzera.

Sempre in settembre i principali Paesi di provenienza dei richiedenti asilo giunti in Svizzera sono stati l'Eritrea (155 domande; -54), la Turchia (113; +15), l'Afghanistan (111; +12), la Siria (107; -2), e l'Iran (77; +17).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
52 min
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
LIVE
Iniziativa per la limitazione verso la bocciatura
Urne chiuse a mezzogiorno in tutta la Svizzera. Ci sono già le prime proiezioni.
SVIZZERA
1 ora
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
3 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
NIDVALDO
3 ore
Alla guida di un camion con l'1,4 per mille
Al camionista kirghiso è stato vietato il proseguimento del viaggio
GINEVRA
5 ore
Pioggia di votazioni cantonali a Ginevra e Uri
Molti quesiti per gli abitanti dei due cantoni, dal salario minimo alle ciclabili. Altri nove alle urne.
BERNA
5 ore
Svizzeri al voto su cinque temi federali
Una domenica di votazione così non si vedeva da quattro anni. Forte incertezza su almeno due quesiti.
SVIZZERA
14 ore
La rivista ritratta: «Riesamineremo lo studio sull'Echinaforce»
Perché se funziona in laboratorio non è detto che funzioni anche sull'uomo: «È sovrainterpretazione»
GINEVRA / ITALIA
17 ore
Quasi giunto a destinazione l'aereo torna indietro
Il volo, partito questa mattina da Ginevra, ha avuto un problema tecnico.
ZURIGO
20 ore
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile