BREAKING NEWS
Coronavirus, in Ticino altri 104 casi e dodici decessi
Keystone
ZURIGO
23.10.18 - 13:380
Aggiornamento : 16:09

Spostati in seconda classe per lasciare il posto all’equipaggio

L’aereo diretto a Bangkok è partito con due ore di ritardo perché i passeggeri non volevano cedere il posto. La compagnia: «In realtà avevano ricevuto un upgrade, non l’avevano acquistato»

ZURIGO - Un volo partito in ritardo e le scuse del CEO della compagnia. Nulla di strano, si direbbe a prima vista, se non fosse che l’aereo è decollato due ore dopo per volontà del pilota e del copilota. Il motivo? A bordo c’erano due colleghi che volevano viaggiare in prima classe, ma i posti erano tutti occupati.

Il volo Thai Airways era previsto per le 13.30 dell’11 ottobre dall’aeroporto di Zurigo con destinazione Bangkok. Ai passeggeri di prima classe - come riferisce il Bangkok Post - è stato chiesto di cedere il posto a due colleghi del personale di volo della compagnia, diretti nella capitale thailandese. Ma nessuno era disposto a retrocedere in seconda classe. Solo dopo due ore una coppia ha lasciato il posto, lamentandosi in un secondo momento con la compagnia perché «l’equipaggio aveva preso in ostaggio i passeggeri finché qualcuno non avesse ceduto».

In realtà, il direttore commerciale di Thai Airwas a Zurigo Nandor Hammermüller, precisa quanto accaduto: «Normalmente per questa tratta viene utilizzato un B777-300ER che non ha la prima classe. Quel giorno, però, è stato messo a disposizione all'ultimo momento un B747 e ad alcuni passeggeri è stato offerto un upgrade in prima classe. I due piloti in transito avrebbero dovuto prendere servizio non appena arrivati a Bangkok e in questi casi è preferibile che viaggino nelle condizioni migliori per riposare adeguatamente. L’errore è stato non bloccare due posti per loro prima di offrire agli altri passeggeri l’upgrade».

Comunque, Thai Airways ha aperto un’indagine interna. «Il ritardo di un’ora all’atterraggio avrebbe dovuto essere evitato - ha concluso il portavoce -. Per questo ci scusiamo ufficialmente con i clienti interessati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Pepperos 1 anno fa su tio
Un indagine? Ma fate propio ridere! Conosco la Thailandia....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile