Keystone
SVIZZERA
14.10.18 - 08:080
Aggiornamento : 09:13

La nuova legge sui media elettronici bersagliata dalle critiche

La sinistra, il PPD, il PBD, gli editori e i sindacati ritengono che il testo penalizzi il servizio pubblico regionale e la stampa scritta. PLR e UDC invece si oppongono a nuove sovvenzioni

BERNA - La nuova legge sui media elettronici non convince. La sinistra, il PPD, il PBD, gli editori e i sindacati ritengono che il testo penalizzi il servizio pubblico regionale e la stampa scritta. PLR e UDC invece si oppongono categoricamente a nuove sovvenzioni per l'informazione.

Lo scopo della nuova normativa, in consultazione fino a domani, è di adattare gli aiuti all'incremento delle offerte online e al cambiamento di abitudini dei consumatori. Il testo prevede il finanziamento di prestazioni di servizio pubblico online che favoriscono i contenuti audio e video e le agenzie di stampa.

Il progetto prevede anche nuove regole per la SSR: introduce la possibilità per il Consiglio federale di fissare nuovi limiti, come quello per gli introiti pubblicitari, o delle risorse minime da accordare a certi settori. Sarà così possibile fare in modo che la metà degli introiti del canone sia destinata all'informazione. È prevista anche la creazione di un'autorità di regolamentazione al fine di garantire una maggiore indipendenza dallo Stato.

I partiti sottolineano l'importanza di un dibattito sui media, sopratutto dopo il netto rifiuto in votazione popolare di "No Billag", ma nessuno sembra apprezzare il progetto governativo, ad eccezione dei Verdi liberali. La SSR, principale interessata, preferisce attendere i risultati della consultazione prima di prendere posizione.

Le critiche più virulente giungono da PLR e UDC. Le due formazioni si oppongono categoricamente agli aiuti per i media online. «La nuova legge è inutile, poiché esiste già una vasta offerta via internet», secondo l'UDC. A suo avviso, il testo mette in pericolo l'imparzialità dei media visto che sarebbero finanziariamente dipendenti dallo Stato. Ci vorrebbero al contrario «meno leggi, più libertà e più concorrenza».

Il mandato attribuito alla SSR sarebbe troppo vago e vasto. «Deve concentrarsi su un'offerta essenziale nelle diverse regioni linguistiche», afferma il PLR. I liberali radicali prendono di mira soprattutto le emissioni sportive e di intrattenimento, che a loro parere dovrebbero essere proposte solo se di importanza nazionale e se sono in grado di autofinanziarsi.

La sinistra e gli ecologisti criticano sopratutto la mancanza di sovvenzioni per la stampa scritta. Per i Verdi non ha senso finanziare un video di pochi secondi, ma non un testo scritto che ha richiesto lunghe ricerche.

«La legge sui media elettronici è fuori dalla realtà perché separa artificialmente media elettronici e carta stampata». Oggi tutti i media hanno anche una versione online, sottolinea Serge Reymond, membro della direzione generale di Tamedia.

I sindacati, gli altri editori, la sinistra, il PPD e il PBD sono concordi su questo punto. Precisano però che devono essere adottate misure per evitare che gli aiuti vadano a vantaggio di grandi gruppi editoriali.

Un'altra critica riguarda il peggioramento della situazione per le radio e le televisioni regionali. Le nuove norme aboliscono il principio del servizio pubblico regionale e le concessioni per le radio locali e riducono il finanziamento, secondo l'associazione Radios régionales romandes. Le somme destinate al servizio pubblico rimarranno le stesse, ma il numero di beneficiari aumenta. «Se bisogna finanziare nuove offerte, occorre prevedere maggiori mezzi», afferma Telesuisse, che rappresenta 13 emittenti regionali, fra cui Teleticino. «Il livello federale è assicurato mentre quello regionale serve da cavia», aggiunge.

Per Schweizer Medien e Médias Suisse l'offerta numerica gratuita della SSR e di altri media elettronici sovvenzionati costituisce una concorrenza "massiccia e iniqua per la stampa". Le associazioni di editori chiedono un ampliamento dell'aiuto indiretto della Confederazione, attualmente concesso sotto forma di sovvenzioni per ridurre le tariffe postali di distribuzione di giornali.

Partiti e associazioni criticano poi il nuovo organo di sorveglianza, anche se con modalità diverse. Per alcuni è superfluo, per altri invece è necessario, ma le sue prerogative andrebbero ridotte e bisognerebbe prestare particolare attenzione alla selezione dei membri.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
7 ore
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
8 ore
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
BASILEA
9 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
10 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
10 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
12 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
13 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
14 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
14 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile