Keystone
SVIZZERA
12.10.18 - 14:440

Chiesti 4 anni di reclusione per presunto membro dell'Ndrangheta

L'imputato avrebbe partecipato a un vasto traffico di armi acquistate illegalmente in Svizzera

BERNA - Il procuratore federale Sergio Mastroianni ha chiesto oggi una pena detentiva di quattro anni nei confronti di un 61enne italiano residente nel Seeland (BE). L'uomo è accusato di aver partecipato alla 'Ndrangheta calabrese, una delle più potenti mafie al mondo.

Il processo, che si era aperto il 3 settembre scorso davanti al Tribunale penale federale (TPF) a Bellinzona, era stato sospeso per organizzare l'audizione di un testimone tramite video conferenza dall'aula di un tribunale della Calabria. Quest'ultimo, membro effettivo della 'Ndrangheta che sta scontando una lunga pena agli arresti domiciliari, è stato ascoltato martedì.

Il testimone ha confermato alcuni aspetti dell'atto d'accusa, ma ha smentito l'appartenenza dell'imputato di origini calabresi all'organizzazione criminale. A suo dire questi «è cresciuto con le famiglie 'storiche' della 'Ndrangheta, ma non vi era affiliato».

Di tutt'altro avviso il procuratore federale. Stando alla lunga requisitoria odierna, l'imputato è un membro attivo della mafia calabrese. Ha giocato «un ruolo di peso nella cellula di Giussano (in Lombardia) dove si occupava in particolare, dalla Svizzera, della fornitura di armi che prendevano in seguito la strada della Calabria». Il procuratore ha anche ricordato gli stretti legami con altri clan della 'Ndrangheta non soltanto in Lombardia ma anche in Piemonte e in Calabria.

L'udienza prosegue nel pomeriggio con le arringhe degli avvocati difensori, Costantino Testa di Berna e Nadir Guglielmoni di Bellinzona.

Operazione "Crimine di Torino"

L'imputato, sposato e padre di famiglia e residente a Lengnau nei pressi di Bienne (BE), avrebbe partecipato a un vasto traffico di armi acquistate illegalmente in Svizzera. Deve rispondere pure di ricettazione per aver comprato una pistola proveniente da un furto, di infrazione alla legge federale sulle armi per aver detenuto diversi revolver e munizioni senza essere in possesso del porto d'armi, nonché di denuncia mendace e di sviamento della giustizia.

Il Ministero pubblico della Confederazione lo accusa inoltre di aver partecipato a numerose riunioni della 'Ndrangheta in Lombardia e Calabria, di aver assistito a cerimonie d'iniziazione di nuovi membri e di aver attivamente preso parte all'operazione soprannominata "Crimine di Torino". La mafia calabrese aveva nel 2003 e 2004, commesso diverse azioni con spargimento di sangue a Torino e nei dintorni del capoluogo piemontese.

TOP NEWS Svizzera
BULGARIA
8 min
Andava in Siria con un arsenale, cinque anni di carcere per uno svizzero
L'uomo, originario di Suhr (AG), era stato arrestato a bordo di un veicolo 4x4 alla frontiera tra Bulgaria e Turchia
SVIZZERA
1 ora
TCS: «Tassare i veicoli in base alle emissioni di CO2»
Il Touring Club ginevrino deve raccogliere 5300 firme
SVIZZERA
5 ore
«La libera circolazione è vitale per l'economia»
Dopo i sindacati, contro l'iniziativa dell'UDC oggi sono scese in campo anche le piccole e medie imprese
SVIZZERA
6 ore
L'inverno rientra dalla porta sul retro
Caldo da record ad inizio settimana, ma da mercoledì l'asticella dei gradi si abbasserà nuovamente, con neve in vista
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
Ci piacciono le carte di credito, ma non ci fidiamo del contactless
Il mezzo di pagamento è comunque sempre più apprezzato dagli svizzeri, come mostra l'annuale indagine di bonus.ch
VALLESE
8 ore
La truffa online che passa dalla carta prepagata
Dall'inizio dell'anno dei cybercriminali si sono intascati almeno 16'800 franchi ingannando diversi venditori privati
SVIZZERA
8 ore
Assistenti di volo in protesta: «Non vogliamo pernottare in Italia»
Il personale di cabina svizzero che si trova giornalmente a dover dormire a Milano non gradisce più questa situazione
SVIZZERA
8 ore
Il 2019? Per il vino elvetico è un'annata eccezionale
Ma il raccolto è stato più basso rispetto al 2018, che era stato da record
ZURIGO
20 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
1 gior
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile