Ti Press
ZURIGO
09.10.18 - 15:370

Riempì di botte la prozia, otto anni a un 24enne

Il giovane è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale e non, come in prima istanza, di lesioni personali gravi

ZURIGO - Pena inasprita in appello a otto anni di detenzione per un 24enne che due anni fa aggredì a Boppelsen (ZH) una prozia, allora 76enne, facendola finire in ospedale in condizioni critiche. Il giovane è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale.

In prima istanza, il ragazzo era stato condannato a 6 anni e mezzo di carcere per lesioni personali gravi. La nuova sentenza non è ancora definitiva. La pubblica accusa chiedeva una condanna a 11 anni e tre mesi di prigione, mentre la difesa si è invano battuta per una riduzione a 36 mesi in parte sospesi.

Il giovane si trova dietro le sbarre dal giorno dell'aggressione, avvenuta nel marzo del 2016. Gli agenti arrivati sul posto trovarono il ragazzo, all'epoca 21enne, con macchie di sangue sui vestiti e in un'altra stanza la prozia gravemente ferita.

Nel corso di un'accesa discussione, sorta perché il nipote aveva venduto una pistola appartenuta alla donna che per questo voleva sbatterlo fuori di casa, l'anziana era stata colpita alla testa con un sasso del peso di due kg, gettata a terra, calpestata, colpita alla testa con una bottiglia e sepolta sotto un cumulo di materassi, coperte e cuscini, fin quando la poveretta non dava più segni di vita. L'anziana signora è tuttavia sopravvissuta alle gravissime ferite.

I due vivevano soltanto da alcuni mesi nella stessa casa. Il giovane venne arrestato senza opporre resistenza e ha ammesso i fatti, negando tuttavia di avere avuto l'intenzione di uccidere la donna.

I giudici del tribunale d'appello lo hanno giudicato colpevole della fattispecie più grave, ossia il tentato omicidio, ma nel fissare la pena gli hanno riconosciuto una serie di attenuanti legate alla sua «infanzia e giovinezza particolarmente difficili».

A quanto si è appreso, il 24enne è figlio di genitori che di punto in bianco abbandonarono una carriera accademica, lasciando la Svizzera per andare a fare i contadini in un paesino della Polonia. Il ragazzo rientrò da solo in Svizzera, dopo aver terminato la scuola dell'obbligo, con l'intenzione di seguire la scuola reclute e possibilmente una carriera militare: un sogno che però non si è avverato.

Senza soldi e senza un lavoro, il giovane andò per un certo tempo a vivere dai nonni. Questi lo mandarono dalla prozia, senza tuttavia chiedere il parere della donna. La donna, che dai vicini era considerata una persona di carattere difficile, non ha mai nascosto che avrebbe volentieri fatto a meno della presenza del pronipote.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Smarties nella carta? A Greenpeace non bastano
L'abbandono della plastica mira a ridurre l'impatto ambientale. Per gli ambientalisti, però, non risolve il problema.
SVIZZERA
5 ore
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
5 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ITALIA / SVIZZERA
6 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
6 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
8 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
8 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
9 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
9 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile