Tipress
SVIZZERA
07.10.18 - 13:170

Violenza domestica, spesso le donne sono anche vittime di strangolamento

Nella metà dei casi registrati i bambini hanno assistito agli atti di violenza

BERNA - C'è allarme tra i medici svizzeri alle prese con pazienti (il 94% donne) oggetto di violenza domestica: sempre più si riscontrano segni di strangolamento sulle vittime. In media, stando a uno studio bernese i cui risultati sono stati resi noti oggi dal Matin Dimanche e dalla SonntagsZeitung, una donna picchiata su sei è stata presa per il collo.

La violenza domestica è considerata nel mondo uno dei maggiori rischi per la salute. La Svizzera non è risparmiata; dal 2004, simili atti sono perseguibili d'ufficio.

Dallo studio, che si basa su informazioni raccolte dal pronto soccorso dell'ospedale universitario di Berna, tra il 2006 e il 2016 il 94% delle vittime di violenza tra le mura di casa era donna, di cui la metà di nazionalità svizzera. Nella metà dei casi registrati, bambini devono assistere ad atti di violenza.

La ricerca ha registrato anche le conseguenze fisiche di simili atti: ad essere toccati sono soprattutto la testa e gli arti. La maggior parte degli assalitori ha cercato di strangolare la persona o di colpirla con la mano. Colpi si riscontrano quasi sempre al capo; seguono le braccia, il collo e la cassa toracica.

Stando ai ricercatori, le cifre reali di maltrattamenti sarebbero ben più elevate, perché numerose vittime evitano di farsi curare. Inoltre, non sempre nel corso di una prima visita dal medico sono visibili i sintomi di uno di uno strangolamento.

Simili violenze possono sfociare in perdita di memoria, problemi cerebrali, morte per soffocamento. Secondo i ricercatori, i medici devono essere sensibilizzati a questo tipo di violenza, viste le gravi implicazioni derivanti dallo strozzamento.

Gli studiosi hanno anche stabilito i momenti in cui una donna rischia grosso: il momento peggiore è la domenica, specie di sera. Lo studio dimostra che esiste una forte percentuale di recidivi tra chi ha già aggredito il partner.

Oltre la metà di chi compie atti simili (54%) è di origine straniera. Ciò vale anche per le vittime. Sovente queste donne vengono picchiate più volte. Il 60% delle vittime di violenza domestica aveva già dovuto subire maltrattamenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
55 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
4 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile