Keystone
CANTONE / BERNA
03.10.18 - 16:250

Ruag-Russia, bacchettato il Ministero pubblico della Confederazione

Il Tribunale penale federale ha rilevato una sostanziale carenza di elementi della Procura generale sul principale indiziato delle violazioni

BELLINZONA - Nuova bacchettata del Tribunale penale federale (TPF) al Ministero pubblico della Confederazione (MPC): in una decisione pubblicata oggi, esso rileva una sostanziale carenza di elementi, da parte della Procura federale, contro un dirigente del gruppo Ruag, principale indiziato di presunte violazioni della legge sul materiale bellico a favore della Russia.

Concretamente, il TPF annulla il blocco del registro fondiario per un appartamento del sospettato. La procura federale riteneva che l'alloggio fosse stato acquistato dal manager con denaro proveniente dalle attività illecite.

I contorni della vicenda, emersa in marzo in seguito a rivelazioni di stampa, restano per ora assai vaghi. Le varie parti coinvolte si sono espresse con parsimonia, visto che sull'accaduto è in corso un'inchiesta dell'MPC. Nella sentenza datata 14 settembre, il tribunale di Bellinzona nota che la procura di fatto dispone di ben pochi elementi a carico dell'accusato.

La Handelszeitung il 22 marzo aveva indicato, tra l'altro, che un quadro dirigente della divisione munizioni Ammotec di Ruag, società di proprietà della Confederazione attiva negli armamenti e nella tecnologia aerospaziale, avrebbe fatto affari per milioni di franchi con il commercio di equipaggiamenti tecnici e armi per il servizio di sicurezza del presidente russo. Sarebbero state pagate tangenti.

Il presidente della direzione di Ruag, Urs Breitmeier, si era poi espresso sulla stampa affermando che il dirigente "avrebbe fatto un accordo con un nostro partner della distribuzione a nostra insaputa per vendere altri prodotti e ottenere ulteriori commesse". Il manager, che ha così violato tutte le regole in vigore presso Ruag, è stato immediatamente sospeso. L'azienda ha inoltre avviato una causa civile.

Ruag era stata informata in gennaio, tramite un proprio servizio di allarme, che esistevano contratti sospetti con la Russia. Aveva allora inoltrato una denuncia penale all'MPC. Quest'ultimo ha poi messo sotto sequestro diverse informazioni e supporti informatici nel corso di perquisizioni.

Oggi la decisione della Corte dei reclami penali del tribunale di Bellinzona illustra una sostanziale vacuità degli elementi raccolti dall'MPC. Innanzitutto, e su questo era chiamato ad esprimersi il TPF, negli atti forniti dalla procura non vi è alcun indizio sufficiente che possa corroborare l'ipotesi dell'acquisto dell'appartamento con fondi provenienti da attività delittuose. In assenza di tali solidi indizi una misura coercitiva come il blocco del registro fondiario è inammissibile.

La Corte dei reclami rileva inoltre che l'MPC non ha saputo indicare quali violazioni concrete alla legge sul materiale bellico (LMB) il sospettato abbia effettivamente commesso. La procura non ha neppure saputo precisare il ruolo del quadro nella vicenda, quali siano stati i destinatari dei prodotti della Ruag e perché questi ultimi debbano essere considerati oggetto della LMB.

I giudici di Bellinzona considerano poi insufficienti anche gli elementi addotti dall'MPC per sostenere le accuse contro il quadro di amministrazione infedele e infedeltà nella gestione pubblica.

La procura federale ha preso atto della decisione e non inoltrerà ricorso, ha indicato a Keystone-ATS. La decisione comunque non avrà effetti sul prosieguo della procedura, scrive l'MPC, precisando di non voler fornire ulteriori informazioni.

Negli ultimi anni il TPF ha inflitto parecchi smacchi all'MPC, rinviando la palla al mittente su diversi dossier spediti da Berna a Bellinzona.

1 anno fa Ruag, causa civile per le armi fornite alla Russia
Commenti
 
seo56 1 anno fa su tio
Hahaha... ormai siamo abituati alle figuracce del MPC! Peccato siano i contribuenti a pagare i lauti stipendi!!!!!! Vergogna!!
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
28 min

Abusi, liberato l'allenatore delle ginnaste

L'uomo è sospettato di reati sessuali nei confronti di una 17enne

SVIZZERA
1 ora

Anche con un pomodorino o un chicco d'uva si può morire

L'Ufficio prevenzione infortuni mette in guarda sul rischio di soffocamento dovuto ad alimenti di piccole dimensioni per i bambini

SVIZZERA
2 ore

Evolve il mercato dell'auto: si guarda alle vendite online e al noleggio

Gli esperti analizzano il settore dopo l'introduzione di alcune novità da parte dell'azienda Auto Kunz di Wohlen

SVIZZERA
2 ore

Libra: avanti con 21 membri, firmata la carta e determinati i vertici

La missione è costruire una migliore rete di pagamento, ampliare l'accesso ai servizi finanziari essenziali e ridurre i costi per miliardi di persone che ne hanno più bisogno

SVIZZERA
3 ore

I ghiacciai raggiungono un nuovo record (negativo)

I ghiacciai svizzeri sono diminuiti del 10% in cinque anni, secondo l'Accademia svizzera di scienze naturali. Una perdita mai osservata prima

ZURIGO
6 ore

Le prostitute recensite non ci stanno: «Anche alcuni clienti sono disgustosi»

Non piacciono a tutte i forum dove si valutano le prestazioni. Ma c'è chi apprezza: «Una buona recensione significa un buon lavoro»

SVIZZERA
6 ore

L'industria dei videogiochi svizzera è in crescita

La Swiss Game Developers Association spera che il governo svizzero voglia sfruttare il potenziale di questo settore nella prossima legislatura

LUCERNA
15 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
16 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
19 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile