Keystone
SVIZZERA
23.09.18 - 09:480
Aggiornamento : 11:40

«Vogliamo sviluppare una sorta di Netflix del servizio pubblico»

Il direttore generale Gilles Marchand promette nuovi investimenti per 20 milioni. «Vogliamo creare una piattaforma digitale per proporre tutti i nostri programmi in tutte le lingue nazionali»

BERNA - Dopo le polemiche divampate in merito allo spostamento di parte della redazione SSR da Berna a Zurigo e del previsto trasferimento da Ginevra a Losanna, il direttore generale Gilles Marchand risponde alle critiche affermando che il servizio pubblico deve adattarsi.

Marchand, in un'intervista apparsa oggi sui domenicali "Le Matin Dimanche" e "SonntagsBlick", promette però investimenti pari a 20 milioni di franchi, che tra le altre cose dovrebbe permettere la creazione di una nuova piattaforma digitale a Berna.

«Si tratta di sviluppare una sorta di Netflix del servizio pubblico: proporre tutti i nostri programmi in tutte le lingue su una piattaforma organizzata non più per regioni, ma per settori e temi con sottotitoli in tutte le lingue nazionali», annuncia Marchand.

La SSR vorrebbe inoltre aumentare la produzione di serie televisive: «Attualmente ce ne sono tre o quattro all'anno tra la Svizzera romanda e quella tedesca. Mi piacerebbe arrivare a sette, con la possibilità di trasmetterle sistematicamente anche nelle altre regioni linguistiche», aggiunge il direttore generale.

Redazione plurilingue a Berna - «Non lasceremo Berna», sostiene Marchand attraverso le pagine dei due domenicali, ribadendo gli investimenti in diversi progetti per un ammontare di 20 milioni di franchi: tra questi anche la creazione di una nuova redazione plurilingue nella città federale, con «una quindicina di giornalisti» provenienti da RSI, SRF, RTS e RTR. L'obiettivo è quello di trattare temi di rilevanza nazionale, lavorando «in particolare sulle questioni legate all'integrazione», prosegue il 56enne losannese.

La SSR ha deciso di trasferire una parte della redazione della radio SRF da Berna a Zurigo. Questo spostamento, previsto a partire dalla fine del 2020, interessa 170 dipendenti. Nella città federale restano 550 collaboratori della SSR. Nella Svizzera romanda si prevede di ricollocare entro il 2024 il dipartimento «attualità» della televisione RTS da Ginevra a Losanna. Il progetto, che deve ancora essere approvato dal consiglio di amministrazione, è volto a riunire le attività radio, tv e nuove tecnologie sul sito web del Politecnico federale di Losanna (EPFL).

Queste decisioni, che dovrebbero permettere alla SSR di risparmiare 12 milioni all'anno, hanno suscitato aspre critiche. Marchand risponde tuttavia tramite i domenicali chiedendo «un po' di coerenza», poiché «si è accusato il servizio pubblico di immobilismo (...). Non si può chiedere di prepararci per il futuro e allo stesso tempo dire di non cambiare», osserva il direttore generale della SSR, il quale ricorda poi che a partire dal 2019 essa dovrà risparmiare 100 milioni di franchi all'anno.

Commenti
 
roma 1 anno fa su tio
...mmmmmmah
Mac67 1 anno fa su tio
Ero contro il canone, vedendo, da un altro punto di vista... oggi con internet possiamo vendere informazioni (diciamo almeno non troppo “corrette”) e potremmo farlo in 4 lingue vendendo a centinaia di milioni ... quindi il canone non sarebbe stato necessario, fornendo anche in Svizzera migliore qualità di informazione! Finché il consiglio federale decide il budget billag ... ovvio che non ci sarà mai informazione va gli vada contro. Ora vogliono realizzare ciò che pensavo senza canone con il canone ...
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
8 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
11 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
13 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
15 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
16 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
18 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile