Keystone
SVIZZERA
22.09.18 - 13:470

Scandalo AutoPostale, tutti sotto la lente

Il presidente del consiglio d'amministrazione della Posta annuncia che tutte tutte le persone coinvolte nella gestione e nella revisione contabile possono essere ritenuti personalmente responsabili

BERNA - La Posta, nell'ambito dello scandalo AutoPostale, sta esaminando anche azioni di responsabilità. Lo ha detto questa mattina Urs Schwaller, presidente del consiglio di amministrazione del gigante giallo, alla trasmissione della radio SRF "Samstagsrundschau".

I membri del cda e tutte le persone coinvolte nella gestione e nella revisione contabile possono essere ritenuti personalmente responsabili di eventuali danni, conformemente al diritto in materia di società anonima.

«Per tutti si pone la questione di un'eventuale responsabilità, indipendentemente dalle persone», ha detto Schwaller. In collaborazione con gli avvocati, è stato esaminato ciò che è possibile fare. Entro la prossima primavera, il cda deciderà come agire. Schwaller ha inoltre sottolineato che le componenti variabili degli stipendi dei dirigenti di AutoPostale licenziati sono attualmente bloccate.

Uno dei compiti dell'organo di vigilanza e del suo presidente è quello di esaminare le responsabilità e trarne le necessarie conclusioni, ha aggiunto Schwaller. Da un punto di vista umano ciò non è sempre facile, poiché ci si confronta con persone che si conoscono. Questo, inoltre, non viene sempre capito dalle persone interessate.

Ieri è stato reso noto che la Posta ha raggiunto un accordo nell'ambito dello scandalo di AutoPostale: il gigante giallo risarcirà a Confederazione, Cantoni e Comuni 188,1 milioni di franchi per i sussidi ricevuti indebitamente dal 2007 a seguito di manipolazioni contabili. A questi si aggiungeranno altri 17,2 milioni a titolo di "restituzione spontanea" per le irregolarità precedenti cadute in prescrizione, per un totale di 205,3 milioni.

L'accordo raggiunto ieri chiude la vicenda AutoPostale per quanto riguarda l'aspetto finanziario. Rimane invece ancora aperto il capitolo giudiziario. Lo scorso 27 febbraio il Consiglio federale ha affidato all'Ufficio federale di polizia (fedpol) il procedimento penale amministrativo contro la Posta, i cui uffici alla sede centrale di Berna sono stati anche oggetto di una perquisizione il 15 agosto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
7 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
7 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
8 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
12 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
12 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
13 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
14 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
15 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
15 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
17 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile