Keystone
SVIZZERA
22.09.18 - 13:470

Scandalo AutoPostale, tutti sotto la lente

Il presidente del consiglio d'amministrazione della Posta annuncia che tutte tutte le persone coinvolte nella gestione e nella revisione contabile possono essere ritenuti personalmente responsabili

BERNA - La Posta, nell'ambito dello scandalo AutoPostale, sta esaminando anche azioni di responsabilità. Lo ha detto questa mattina Urs Schwaller, presidente del consiglio di amministrazione del gigante giallo, alla trasmissione della radio SRF "Samstagsrundschau".

I membri del cda e tutte le persone coinvolte nella gestione e nella revisione contabile possono essere ritenuti personalmente responsabili di eventuali danni, conformemente al diritto in materia di società anonima.

«Per tutti si pone la questione di un'eventuale responsabilità, indipendentemente dalle persone», ha detto Schwaller. In collaborazione con gli avvocati, è stato esaminato ciò che è possibile fare. Entro la prossima primavera, il cda deciderà come agire. Schwaller ha inoltre sottolineato che le componenti variabili degli stipendi dei dirigenti di AutoPostale licenziati sono attualmente bloccate.

Uno dei compiti dell'organo di vigilanza e del suo presidente è quello di esaminare le responsabilità e trarne le necessarie conclusioni, ha aggiunto Schwaller. Da un punto di vista umano ciò non è sempre facile, poiché ci si confronta con persone che si conoscono. Questo, inoltre, non viene sempre capito dalle persone interessate.

Ieri è stato reso noto che la Posta ha raggiunto un accordo nell'ambito dello scandalo di AutoPostale: il gigante giallo risarcirà a Confederazione, Cantoni e Comuni 188,1 milioni di franchi per i sussidi ricevuti indebitamente dal 2007 a seguito di manipolazioni contabili. A questi si aggiungeranno altri 17,2 milioni a titolo di "restituzione spontanea" per le irregolarità precedenti cadute in prescrizione, per un totale di 205,3 milioni.

L'accordo raggiunto ieri chiude la vicenda AutoPostale per quanto riguarda l'aspetto finanziario. Rimane invece ancora aperto il capitolo giudiziario. Lo scorso 27 febbraio il Consiglio federale ha affidato all'Ufficio federale di polizia (fedpol) il procedimento penale amministrativo contro la Posta, i cui uffici alla sede centrale di Berna sono stati anche oggetto di una perquisizione il 15 agosto.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Mela indigesta: gli iPhone non piacciono più agli svizzeri
La percentuale di chi utilizza uno smartphone della Apple è in continuo calo
SVIZZERA
40 min
Giovani e pigri: «Oltre l'85% non fa abbastanza attività fisica»
Secondo uno studio pubblicato dall'OMS, il tasso è in costante rialzo in questi ultimi quindici anni e ha superato la media mondiale
FOTO
GINEVRA / GERMANIA
2 ore
Un ginevrino si compra il cilindro del Führer
L'imprenditore si è aggiudicato il cilindro appartenuto a Hitler e una copia del "Mein Kampf". Per una nobile causa: «È estremamente importante che questi cimeli non finiscano nelle mani sbagliate»
GRIGIONI
11 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
11 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
BERNA / RUSSIA
14 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
18 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
VAUD
19 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
22 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile