TiPress
SVIZZERA
19.09.18 - 15:390

Premi cassa malati: aumento minore al 3%

Santésuisse Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi

BERNA - Il 2018 dovrebbe concludersi con un minore aumento dei costi della salute rispetto agli anni precedenti. Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi.

I premi di cassa malattia del 2019 dovrebbero crescere meno del 3%, ha affermato oggi durante una conferenza stampa a Berna l'associazione che rappresenta parte degli assicuratori malattia svizzeri. Molti giovani adulti beneficeranno di riduzioni poiché gli assicuratori dovranno pagare un contributo inferiore come compensazione dei loro rischi. Il ministro della sanità Alain Berset presenterà i premi 2019 la prossima settimana.

«Questa tregua dovrebbe essere usata per intraprendere misure» ha detto oggi la direttrice di santésuisse Verena Nold. Le previsioni mostrano che vi saranno ulteriori aumenti. «Se non viene fatto nulla per correggere questa tendenza, i costi potrebbero crescere di oltre il 3%», ha aggiunto Nold.

Nel 2017, le spese pro capite dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sono aumentate dell'1,7%, restando inferiori alla media pluriennale. Per l'anno in corso l'associazione si aspetta un incremento leggermente più elevato delle prestazioni lorde per assicurato.

Controllo dei prezzi dei farmaci

Per arginare la crescita dei costi santésuisse invita ad abbassare i prezzi dei medicamenti e, in particolare, propone dei confronti annuali con l'estero per tutti i farmaci rimborsati. Dopo tre anni di interruzione, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha ripreso solo alla fine del 2017 ad esaminare regolarmente i prezzi dei medicamenti: la mancanza di pressione sui prezzi ha comportato un aumento dei costi dei farmaci pro capite del 4,6% (2016: +5,4%), deplora santésuisse.

In Svizzera, il ricorso ai generici, che permetterebbe di ridurre l'onere, è molto inferiore alla media internazionale. Inoltre, per l'associazione questi articoli sono eccessivamente cari.

Responsabilità individuale

Santésuisse auspica anche una pianificazione sanitaria sovra-cantonale in ambito ambulatoriale e stazionario nonché il miglioramento della qualità e dell'efficacia delle prestazioni mediche, compresa una maggiore coordinazione e specializzazione negli ospedali.

Secondo l'associazione è poi necessario rafforzare la responsabilità individuale degli assicurati. A tale scopo, propone di aumentare la franchigia minima di base da 300 a 500 franchi e di introdurre una tassa di 50 franchi per i casi minori di emergenza ospedaliera. Infine, chiede anche dei forfait nel settore ambulatoriale.

L'invecchiamento della popolazione rappresenta solo il 20% della crescita dei costi della sanità dal 2012. Secondo santésuisse vi è quindi margine di manovra per arginare l'aumento.

Trasferimento verso l'ambulatoriale

Nel 2017 si è registrata una diminuzione dei costi del 3,1% per persona assicurata nel settore delle prestazioni ospedaliere stazionarie. Un'evoluzione di cui santésuisse si dice soddisfatta.

Tale flessione non dovrebbe però occultare il fatto che dal 2012 i cantoni hanno progressivamente aumentato la loro partecipazione alle spese e che dal 2017 quest'ultima ha raggiunto il 55%, sottolinea l'associazione. Allo stesso tempo, la tendenza al trasferimento delle prestazioni verso il settore ambulatoriale riduce i costi nel campo ospedaliero stazionario. Le spese in questo settore sono tuttavia completamente a carico degli assicuratori. In tale contesto, santésuisse ritiene l'aumento dell'1,4% dei costi di cure ambulatoriali ospedaliere relativamente moderato.

Commenti
 
GI 8 mesi fa su tio
Dicasi media.....ergo ci saranno dei +5 e dei +1 = +3.... E' ora di renderla non più "obbligatoria".....che mal sta lamal...
Pepperos 8 mesi fa su tio
Tradotto: minori prestazioni obbligatorie Ma non dicono nulla Delle provvigioni pagate per acquistare clienti.
TOP NEWS Svizzera
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
6 ore

L’allerta si concretizza: mezza Svizzera sotto l’acqua, muore una turista

Non solo pioggia, ma anche grandine e forti raffiche di vento. A Ginevra chicchi da 5 centimetri di diametro. 23 mm di pioggia in dieci minuti nel canton Vaud

FOTO
ZURIGO
8 ore

L'arcobaleno invade le strade di Zurigo

Erano in 55'000, secondo gli organizzatori, a festeggiare la 55esima edizione del Pride sotto il motto "Strong in Diversity"

ARGOVIA
9 ore

Puntava il fucile contro i passanti, arrestato un 39enne

L'uomo si era rintanato in casa ma poco dopo mezzanotte si è consegnato alla polizia. Alla base, forse, una discussione di poco conto

FOTO
SVIZZERA
11 ore

Non un'onda, ma una marea viola: ieri erano più di 500'000

«Il 14 giugno 2019 passerà alla storia come la più grande azione politica nella storia elvetica dallo sciopero generale del 1918», scrive USS

VIDEO
GRIGIONI
13 ore

«Il nostro bussino è stato spazzato via dalla corrente»

Parlano i due turisti tedeschi che stavano dormendo nel loro mezzo posteggiato a Splügen quando è scoppiato il nubifragio. I soccorritori: «Hanno avuto molta fortuna»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report