Keystone
SVIZZERA/CINA
05.09.18 - 17:410

Schneider-Ammann in Cina, ad una giornalista viene negato il visto

Il giornale romando deplora la mancanza di sostegno da parte delle autorità elvetiche di fronte a Pechino

BERNA - A un giornalista di Le Temps è stato rifiutato il visto per coprire la visita in Cina del consigliere federale Johann Schneider-Ammann da oggi a domenica. Il quotidiano romando deplora la mancanza di sostegno da parte delle autorità federali di fronte all'intransigenza di Pechino.

«È in effetti deprecabile il fatto che l'ambasciata di Cina operi una tale selezione. Ma è ancor più incomprensibile che le autorità svizzere convalidino un tale procedimento con il quale si accetta che un altro Stato decida quali media svizzeri possano accompagnare il ministro in visita all'estero nel quadro di una delegazione ufficiale», scrive Le Temps a pagina 15 della sua edizione odierna.

Il giornalista che avrebbe dovuto essere del viaggio assieme a rappresentanti degli ambienti economici e scientifici, Frédéric Koller, uno specialista dell'Asia, ha confermato a Keystone-ATS la sua esclusione. Contattati, i servizi di Johann Schneider-Ammann respingono al mittente le accuse di non aver voluto sostenere la richiesta del giornalista.

"Su nostra richiesta, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha effettuato un passo presso l'ambasciata di Cina in Svizzera per ottenere spiegazioni e chiedere che il giornalista in questione possa ottenere l'accreditamento", ha spiegato il portavoce del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) Erik Reumann. "Purtroppo ciò non ha prodotto l'effetto sperato."

DEFR "si dice dispiaciuto"

Cinque giornalisti faranno parte del viaggio, tra cui un Romando, ha aggiunto Reumann, dicendosi "dispiaciuto" che Frédéric Koller, «specialista riconosciuto della Cina», non possa parteciparvi. «Si tratta di una visita importante e sarà coperta comunque» da altri giornalisti.

Quanto a Koller, egli ha affermato di non sapere il motivo per il quale il visto gli è stato negato. "Un portavoce di Johann Schneider-Ammann mi ha annunciato a inizio agosto che l'ambasciata di Cina ha fatto sapere che un visto non mi sarebbe stato accordato", ha detto Koller. Ha poi tentato a più riprese di ottenere spiegazioni da parte dell'ambasciata cinese, ma senza successo.

Koller ha precisato di coprire l'attualità cinese da oltre 20 anni senza aver mai avuto problemi fino ad oggi. L'anno scorso, però, l'ambasciata di Cina aveva già respinto una richiesta per l'ottenimento di un visto inoltrata da Le Temps per poter seguire il Congresso del Partito comunista cinese.

Impressum «scandalizzato»

In una nota odierna, l'associazione dei giornalisti Impressum si è detta scandalizzata dall'atteggiamento dell'ambasciata di Cina. «Impressum ha denunciato fermamente la presa in ostaggio di un media la cui serietà e qualità sono riconosciute internazionalmente. (...) Pechino deve essere consapevole che i giornalisti svizzeri non sono marionette. Berna deve intervenire e non semplicemente prestare giuramento di fedeltà a un suo partner economico».

Contattata da Keystone-ATS, l'ambasciata di Cina a Berna ha risposto per e-mail di non avere informazioni da fornire su questa vicenda.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
ZURIGO
1 ora
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
3 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
4 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
FRIBURGO
7 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
LUCERNA
9 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
BERNA
11 ore
L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay
Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"
SVIZZERA
11 ore
Banca ginevrina vuole attirare clienti svizzeri in Italia
Si tratta di Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, nata dall'acquisizione del gruppo elvetico Morval Vonwiller da parte del gigante italiano Intesa Sanpaolo
SVIZZERA
12 ore
Quella guerra allo scontrino fatta nel nome dell'ambiente
Coop l'ha lanciata, Lidl la fa già da anni e Migros... sta inseguendo. Ecco come sta cambiando il nostro modo di fare la spesa
SVIZZERA
12 ore
Gli impiegati denunciano: «Sempre più stressati ed esauriti»
Il barometro annuale di Travail.Suisse indica che le condizioni sul posto di lavoro si sono deteriorate rispetto al passato e che ci sono sempre più impiegati scontenti
URI
13 ore
Il treno di Sawiris per il rilancio di Andermatt
L’imprenditore egiziano intende attirare i turisti offrendo un trasporto low-cost da Zurigo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile