Fotolia
SVIZZERA
30.08.18 - 06:020
Aggiornamento : 09:26

Email lette costantemente: «Ora è nella nostra routine»

I giovani tra i 18 e i 24 anni leggono le e-mail del lavoro già al mattino prima di alzarsi

ZURIGO - Whatsapp, Hangouts, Slack: anche se esistono mezzi di comunicazione più moderni rispetto alla posta elettronica, a dominare in ufficio sono le email.

Secondo un sondaggio che Adobe realizza annualmente, la forma di comunicazione più utilizzata con i colleghi è tuttora la posta elettronica: il 72% degli intervistati si scambia regolarmente informazioni tramite email. Di conseguenza, in questo contesto, la messaggistica istantanea viene usata con regolarità solo dal 35%.

Ciò che colpisce in maniera particolare, in ogni caso, è il modo in cui i ragazzi tra i 18 e i 24 anni gestiscono le loro email aziendali: ben il 44% dei giovani intervistati controlla la mailbox poco prima di alzarsi. Nel dato comunque che vede prese in considerazione tutte le fasce di età, oltre l'80% degli intervistati legge la posta elettronica aziendale al di fuori dell’orario di lavoro.

Secondo Gery Bruederlin, docente presso la Scuola Universitaria Professionale della Svizzera nordoccidentale, il controllo costante delle caselle di posta elettronica sarebbe uno sviluppo culturale.  «Ci siamo abituati, e ora fa parte della nostra routine», spiega. Un altro fattore legato al regolare controllo della mailbox si colloca nel timore di non leggere in tempo qualcosa di importante o di mancare un appuntamento.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, un controllo costante della posta elettronica è sconsigliato.

Il metodo “Zero Mail”:Secondo il guru della produttività americano Merlin Mann, al fine di avere sempre una casella di posta “completamente pulita”, sarebbe ideale elaborare i messaggi ricevuti il prima possibile, rispondendo, inoltrandoli o eliminandoli.

In ufficio, in ogni caso, in media si trascorrono più di tre ore al giorno a leggere e a scrivere messaggi di posta elettronica.

 

Commenti
 
Andrea Weber 1 anno fa su fb
Io no.
F.Netri 1 anno fa su tio
Questi studi sono delle masturbazioni mentali! Fatti da sfaccendati senza alcun contatto con la realtà. Il mondo cambia di continuo e i veri cambiamenti sono solo all'inizio.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
6 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
9 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
11 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
12 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
13 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
16 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile