SAN GALLO
27.08.18 - 10:370
Aggiornamento : 12:11

Al fiume con la sua bimba nuda: scambiato per pedofilo

Un post su Facebook denunciava un trentenne che giocava tra i cespugli con una piccola di quattro o cinque anni. La polizia: «Non allarmate con i social, rivolgetevi a noi»

WIL - Un post di Facebook più volte letto e condiviso ha allarmato gli animi questo weekend a Wil, nel canton San Gallo. Una donna denunciava la presenza di «un uomo al fiume, che si nascondeva tra i cespugli e poi scappava via». Il post continuava: «Era in compagnia di una bambina di quattro o cinque anni. Lui è sulla trentina». Temendo di avere incontrato un pedofilo, la comunicazione concludeva: «Se lo vedete, avvertite la polizia».

Gli agenti confermano di avere ricevuto due distinte segnalazioni, che hanno fatto partire le indagini. «Quello che queste persone hanno visto - ha spiegato il portavoce Bruno Metzger a 20 Minuten - è corretto. Ma è sbagliata la percezione che hanno avuto della situazione. Loro vedevano un uomo con una bambina nuda, senza il costume, entrambi correvano e si nascondevano tra i cespugli. Ma si trattava di un padre che giocava con sua figlia». 

La polizia coglie quindi l’occasione per sensibilizzare la popolazione sull’uso di Facebook. Nel caso specifico, il post ha creato grande preoccupazione nei residenti. Un post simile viene letto e condiviso svariate volte e «potrebbe finire sotto gli occhi di un presunto colpevole, portandolo a nascondersi o a fuggire». Le autorità invitano pertanto tutti a rivolgersi prima a loro, piuttosto che ai social. Sempre più persone, infatti, si affidano a Internet e non contattano neppure la polizia.

Nel caso in questione, è stato il 30enne a rivolgersi direttamente alla polizia. Il post gli era stato segnalato da un conoscente, che era andato a fare il bagno con la famiglia al fiume nella zona indicata dalla donna su Facebook. «Ci ha contattati e la situazione è stata chiarita. I social possono essere una benedizione, ma anche una maledizione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Shion 1 anno fa su tio
Il male risiede nell'occhio e nella mente dell'osservatore.
Shion 1 anno fa su tio
Tutto il mondo è malato. Non c'è più speranza.
SosPettOso 1 anno fa su tio
Semplicemente PAZZESCO!! Se il tizio fosse stato veramente un pedofilo questa non ha fatto assolutamente nulla per evitare il peggio e se, come è stato il caso, il tizio non stava facendo nulla di male l'ha marchiato a vita con la più infamante delle accuse. Comportamenti come quello di 'sta social-pettegola allarmista andrebbero sanzionati pesantemente! Se c'è qualcosa che ti insospettisce ti informi personalmente prima di chiamare la polizia o se preferisci la chiami subito, ma in ogni caso non diffondi simili calunnie.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Aha aha aha che storia!... Mi ricordo quando a Giubiasco dei fenomeni hanno chiamato la polizia perché un uomo , a dir !oro sospetto, stava facendo foto fuori da una squola... pronto intervento degli sgherri che scoprono che il fotografo non è altro che l'assistente dell'architetto che era stato incaricato di un lavoro all'edificio scolastico... hi hi hi
wuarzix 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato "fuori da una squola" forse dovresti tornare a "squola" anche te
Lokal1 1 anno fa su tio
@wuarzix Vabbè dai, tipici errori da tastiera
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Lokal1 No no, io sempre scrivo squola con la k per dare modo ai professorini di fare interventi risolutivi... :-)))))
centauro 1 anno fa su tio
@Lokal1 Il tasto C è lontano dalla Q!!!!
mark72 1 anno fa su tio
purtroppo ce un isteria colletiva in giro che fa vedere il male anche dove non c'e inoltre ci fidiamo piu dei social che delle autorita' creando allarmismo e rischiando di rovinarci la nostra vita e di rovinare la vita altrui.
Fafner 1 anno fa su tio
Purtroppo viviamo in un'era in cui alla gente non riesce più di farsi gli affari propri o quanto meno di riflettere un minuto prima di andare a starnazzare sui social.
Verbania 1 anno fa su tio
@Fafner Ah beh, non lo sai che una volta erano i fotografi che avvertivano la polizia se ricevevano da sviluppare rullini dove vedevano cose sospette, tipo un uomo che faceva il bagno con una bambina nuda? Certo che qui era un luogo pubblico e non mettere il costumino...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
50 min
Telecamere nascoste per stanare il ladro di monete
Le ha installate Migros in una filiale bernese. Ma ora la giustizia ha scagionato il collaboratore accusato di furto
SVIZZERA
9 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
13 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
14 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
15 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
17 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
17 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
18 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
19 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
20 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile