Tipress
Non sempre va così...
SVIZZERA
16.08.18 - 12:230

Vendita di alcolici ai minori: «Quasi un terzo dei negozi è fuorilegge»

Anche nel 2017 sono stati rilevati risultati differenti a dipendenza del punto vendita: malissimo alle manifestazioni (44%). Benino nelle stazioni di servizio (13,7%)

BERNA - Ancora troppi spacci vendono alcolici a giovani che non hanno l'età legale per consumarli. Lo indica una nota odierna dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD), da cui risulta che il 28,7% dei test d'acquisto eseguiti - 7225 - nel 2017 è sfociato in una cessione illecita di birra, vino o altre bevande. Unico elemento positivo: rispetto al 2016 si è constatata una flessione del 3%.

Dal 2009, la percentuale di vendite illecite oscilla attorno al 30%, con un massimo del 33,7% nel 2014 e un minimo del 25,8% nel 2013.

La vendita di birra e vino ai minori di 16 anni nonché di bevande spiritose ai minori di 18 anni è vietata dalla legge (nel Canton Ticino, la vendita di tutte le bevande alcoliche è vietata ai minori di 18 anni). Tuttavia, nella prassi questo divieto continua ad essere aggirato, spiega l'AFD.

Come per gli anni precedenti, anche nel 2017 sono stati rilevati risultati differenti a seconda del punto vendita. Percentuali di abuso pari al 44% sono state registrate durante manifestazioni, 38% nei bar e 31% nei ristoranti. Molto al di sotto di queste cifre si situano le stazioni di servizio (13,7%) e le catene di negozi (24%).

È inoltre emerso che più l'età degli acquirenti test è alta, più è elevata la percentuale delle vendite illegale di bevande alcoliche: mentre la quota per i tredicenni corrisponde al 6%, quella per i diciassettenni è del 25%. La maggior parte degli acquisti illegali di alcol è addebitabile proprio a gruppi di diciassettenni (41%).

Dal 2000, l’AFD fornisce ogni anno una statistica nazionale dei test d'acquisto. Da allora sono stati fatti 60 mila test. Scopo principale dei test è la sensibilizzazione. La scoperta della vendita illecita di alcolici ai minori serve per instaurare un dialogo col personale di vendita e migliorare la loro formazione.

I risultati dei test d'acquisto non sono ammessi come mezzi di prova e pertanto non sfociano in un multa. Sono tuttavia possibili misure amministrative, come la revoca della patente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
2 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
14 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
15 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
18 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
19 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
SVIZZERA
20 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
21 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
22 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile