ZURIGO
10.08.18 - 10:480
Aggiornamento : 12:26

12 anni e prossimo all'espulsione: «Siete la mia ultima speranza»

Originario dello Sri Lanka e con un padre Tigre Tamil, Anish chiede di poter restare in Svizzera: «Laggiù verremmo divisi»

ZURIGO - «Siete la mia ultima speranza». Con queste parole il 12enne Anish Puvirathan, di Aesch (ZH), si è rivolto alla redazione zurighese di 20 Minuten, alla quale ha scritto per segnalare la sua storia. Originario dello Sri Lanka, la sua famiglia è stata informata a inizio giugno dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) che dovrà lasciare la Svizzera. «Ho paura che veniamo divisi - spiega il ragazzino -. Mio padre potrebbe finire in prigione perché era una Tigre Tamil: non so se ne esca vivo».

Anish aveva 6 anni quando è arrivato in Svizzera. «Qui vado a scuola e ho tanti amici», racconta il 12enne, che ha due fratelli di 4 e di meno di un anno, Jonas e Lukas. «Nello Sri Lanka non conosciamo nessuno, non abbiamo un posto in cui vivere», si dispera.

Anche gli insegnanti del 12enne si sono spesi per il ragazzino in una lettera che hanno inviato alla SEM: «Siamo scioccati che la famiglia debba andare via», affermano. Anish è ben integrato e ligio al dovere e ha subito dei traumi per i quali sta ricevendo un sostegno professionale, aggiungono.

Gabriel Püntener, l’avvocato del ragazzino, fornisce qualche dettaglio in più: «Nel marzo del 2013 Anish ha dovuto assistere mentre un gruppo di uomini abusava sessualmente di sua madre in una camera da letto», spiega. Suo padre, al quale quegli uomini davano la caccia, era riuscito a scappare ed era poi volato in Svizzera con la famiglia facendo subito domanda di asilo. Quest’ultima era stata respinta nell’ottobre del 2015.

Disperati, i genitori di Anish si erano rivolti all’avvocato: «Il rigetto della domanda d’asilo è stato un palese errore», commenta. Secondo lui, è dimostrato che il padre era stato addestrato dalle Tigri Tamil.

Püntener aveva fatto ricorso, ma senza successo. Come la SEM, nemmeno il Tribunale amministrativo federale ha creduto che il padre di Anish fosse stato perseguitato. Per quanto riguarda Anish e i suoi fratelli, poi, ha argomentato che i tre bambini hanno un’età nella quale hanno ancora una grande capacità di adattamento e non sono così radicati in Svizzera. Un’espulsione, insomma, non sarebbe irragionevole.

Ora la famiglia aspetta in un centro richiedenti asilo di Zurigo di essere allontanata. Il suo avvocato, però, non ha intenzione di darsi per vinto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Manifestazioni contro il razzismo in diverse città svizzere, in 5'000 a Basilea
La polizia non è intervenuta, ma ha distribuito volantini con le direttive sanitarie
SVIZZERA
14 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
14 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
14 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
16 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
18 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
1 gior
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
1 gior
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile