Keystone
ZURIGO
21.07.18 - 21:140
Aggiornamento : 22.07.18 - 08:38

Morde l’assistente di volo, poi riceve un buono da parte di Swiss

La compagnia aerea precisa le motivazioni del gesto, ma la figlia della donna non ci sta

ZURIGO - L’incidente è avvenuto in aprile sulla tratta da Los Angeles a Zurigo. Una passeggera ungherese di 75 anni si trovava a bordo del volo LX41 in compagnia del suo barboncino. Stando a quanto raccontato dal SonntagsBlick, la donna avrebbe dato da mangiare al suo cagnolino dopo che l’hostess le aveva intimato di chiudere il trasportino. Quando l’assistente di volo aveva cercato di portar via il cibo del cane, era stata morsa dalla signora ungherese. A causa della reazione fisica, la passeggera è stata condannata a pagare una multa di 300 franchi.  

Ora la figlia della donna, che abita in California, ha contattato la redazione di 20 Minuten per lamentarsi della descrizione «ingiusta» che i media hanno fatto della madre, e per accusare l’assistente di volo di «comportamenti incivili». «Non ha prestato attenzione all’età di mia madre, o al fatto che lei non comprendesse la lingua». La 75enne infatti parla solo ungherese, e aveva con sé un appunto sul quale era scritto che durante il viaggio avrebbe dato da mangiare al suo cane.

«Mia madre aveva paura che posizionando il trasportino nell’apposito portabagagli, il cane avrebbe potuto soffocare». Fatto che era recentemente accaduto su un volo della United Airlines.

Dopo “l’incidente” la settantenne era stata “prelevata” dalla polizia di Zurigo, la quale l’aveva sottoposta ad un test del sangue. La donna aveva così perso la coincidenza per Budapest, e aveva dovuto passare una notte in albergo.

In una lettera indirizzata a Swiss, la figlia ha chiesto le scuse ufficiali della compagnia aerea per coprire i costi dell’albergo e del volo perso.

Buono regalo - Nel frattempo la passeggera ha effettivamente ricevuto un buono di volo del valore di 110 franchi.

Non si tratta però di scuse, ci tiene a specificare Swiss. «Il buono fa riferimento al fatto che l’esperienza di volo non ha soddisfatto la signora, non c’entra nulla con l’accaduto». Inoltre Swiss sottolinea che il racconto della donna non coincide con quello dei dipendenti presenti al momento dei fatti. «Rifiutiamo le accuse del ricorso alla forza da parte del personale di Swiss» fa sapere la portavoce Karin Müller.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
Un ordigno inesploso crea il caos a Hinwil
La munizione si trovava nel centro logistico dell'esercito ed è stata messa in sicurezza e rimossa in serata dagli specialisti. L'area è stata off-limits per almeno mezz'ora
FOTO
ZURIGO
16 ore
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
16 ore
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
17 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
18 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
20 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
20 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
20 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
21 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
21 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile