Fotolia
SVIZZERA
12.07.18 - 10:050
Aggiornamento : 12:02

Giovani alla guida: ecco i passeggeri più "pericolosi"

A seconda dell'età il trasporto presenta diversi livelli di rischio. Lo conferma un nuovo studio dell'upi

Distrazioni alla guida

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - L’interazione tra conducente e passeggero, soprattutto quando entrambi sono di sesso maschile, può essere fonte di pericoli alla guida. È quanto rivela un nuovo studio realizzato dall’Ufficio prevenzione infortuni (upi) sull’influsso dei passeggeri sugli automobilisti.

Guida pericolosa tra coetanei - La situazione potenzialmente più rischiosa riguarda in particolare i giovani maschi al volante che trasportano coetanei del medesimo sesso. In questi casi - rivela l’upi - i conducenti tendono infatti ad uno stile di guida più rischioso. Il medesimo effetto, anche se in misura minore, è stato constatato anche nel caso di giovani conducenti e passeggere di sesso femminile.

L’effetto positivo degli “anziani” - Al contrario, le passeggere esercitano un influsso positivo sui ragazzi al volante, che in tal caso adottano tendenzialmente uno stile di guida più prudente. Lo stesso avviene quando i giovani automobilisti sono accompagnati da passeggeri adulti più anziani, la cui influenza tende a riflettersi positivamente sulla guida.

La presenza di un passeggero può essere però anche il sinonimo di distrazione. Se da un lato infatti i conducenti accompagnati sono meno inclini a lasciarsi distrarre dal cellulare, esistono in ogni caso rischi legati alle conversazioni. Il tempo di reazione può essere più lungo, la velocità più elevata. Allo stesso tempo però, un'altra persona in macchina può riconoscere delle situazioni critiche e sostenere il conducente interrompendo la conversazione.

La chiave: sensibilizzare - La chiave per migliorare la situazione risiede nella sensibilizzazione, sottolinea l'upi, che raccomanda di affrontare l'argomento nel corso dell'istruzione alla guida. Il pericolo derivante dai passeggeri sarà così meno presente per i giovani alla guida.

Commenti
 
siska 10 mesi fa su tio
Concordo con Hardy e al 300%.
Hardy 10 mesi fa su tio
Non ci voleva uno studio...Basta farsi una passeggiata e osservare i conducenti delle auto che passano. Ci si potrebbe scrivere un libro.
Frankeat 10 mesi fa su tio
Ci voleva uno studio dell'UPI per sapere queste cose EVIDENTI?
KilBill65 10 mesi fa su tio
@Frankeat Quelli dell' UPI devo giustificare lo stipendio che prendono o no!!!....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore

Congedo paternità, il Governo respinge anche le due settimane

Per il Consiglio federale anche il controprogetto indiretto all'iniziativa che chiede quattro settimane è da bocciare

SVIZZERA / ITALIA
4 ore

Eternit Italia, Schmidheiny condannato a 4 anni: «Un verdetto scandaloso»

L'imprenditore elvetico dovrà anche versare una provvisionale di 15mila euro alle parti civili. Ma ricorrerà in appello perché «la legge non è uguale per tutti»

ZURIGO
5 ore

Anziano aggredito mortalmente per un posteggio: è omicidio colposo

Un 55enne è stato condannato a 12 mesi di carcere (sospesi condizionalmente) per la morte dell'79enne avvenuta il 18 novembre del 2017

SVIZZERA
6 ore

I salari reali tornano a crescere

In base ai dati dell'Ufficio federale di statistica dovrebbero crescere dello 0,5%

VAUD
7 ore

Lascia del cibo per gli animali, 150 franchi di multa

«Sono cresciuta in campagna, non abbiamo mai buttato via gli avanzi!», si è giustificata l'82enne. Ma la legge parla chiaro: non si può fare

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report