Keystone
Il Tribunale di Boudry
NEUCHÂTEL
11.07.18 - 15:270

Fece rimuovere la clitoride alle figlie, iniziato il processo

Una donna è accusata di aver fatto sottoporre a mutilazioni genitali entrambe le figlie quando si trovavano in Somalia e in Etiopia

NEUCHÂTEL - È iniziato oggi a Boudry (NE) il processo contro una donna accusata di aver fatto sottoporre a mutilazioni genitali entrambe le figlie quando si trovavano in Somalia e in Etiopia. A denunciarla è stato il marito.

Anche se le mutilazioni sono avvenute all'estero, il reato può essere giudicato in Svizzera se la persona vi risiede, è stato rammentato in apertura del procedimento, in riferimento all'articolo 124 del Codice penale svizzero, adottato sei anni fa. La donna, che ammette l'accaduto, è domiciliata a Neuchâtel dal suo arrivo in Svizzera alla fine del 2015.

Le mutilazioni sono state effettuate da una persona incaricata dalla madre e sono avvenute fra gennaio 2013 e novembre 2015 a Mogadiscio in Somalia e a Kaaraan in Etiopia, si legge nell'atto d'accusa. All'epoca le bimbe non avevano ancora nove anni.

La più grande ha subito la rimozione totale o quasi totale della clitoride, mentre la piccola è stata sottoposta ad una rimozione parziale della clitoride e del suo prepuzio. Simili mutilazioni «compromettono in modo grave e durevole le funzioni naturali degli organi genitali», sottolinea l'atto d'accusa.

La donna rischia una pena privativa massima di dieci anni e come minimo una pena pecuniaria di 180 aliquote giornaliere.

Stando a Le Matin, il marito, anch'egli somalo, che l'ha denunciata è stato condannato a sua volta l'anno scorso per «violenze domestiche estreme» nei riguardi della moglie. La coppia ora vive separata.

4 mesi fa Mutilazione genitale alle figlie in Somalia, processata in Svizzera
Tags
mutilazioni
clitoride
donna
figlie
processo
somalia
etiopia
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report