keystone
ZURIGO
04.07.18 - 15:460

Mister Dati chiede più attenzioni a tutela sfera privata

Scuole e amministrazione risultano essere a volte sprovveduti nel trattare i dati personali e cercando di essere all'avanguardia nella digitalizzazione, sottovalutano i rischi

ZURIGO - Le scuole e l'amministrazione nel canton Zurigo sono a volte un po' sprovveduti nel trattare i dati personali, e nell'euforia di voler essere all'avanguardia nella digitalizzazione sottovalutano i rischi. Lo ha dichiarato oggi il preposto cantonale alla protezione dei dati durante la presentazione del suo rapporto annuale di attività.

Bruno Baeriswyl ha sottolineato che la tutela non concerne tanto i dati stessi ma soprattutto i diritti della persona, la sfera privata e l'autodeterminazione sui propri dati. La salvaguardia dei diritti fondamentali deve essere parte integrante della strategia di digitalizzazione.

Spesso però ciò non accade. Ad esempio, dall'esame di una ventina di siti di enti pubblici è risultato che nella metà dei casi le password sono state memorizzate in modo leggibile. L'accesso alla banca dati e un uso abusivo di tutto il sistema risultano quindi possibili, ha spiegato mister dati.

Egli ha poi auspicato che la sua messa in guardia sia ascoltata e che gli venga dato più personale per la sua attività di controllo presso l'amministrazione cantonale, come pure presso i comuni e gli ospedali. Dispone di 9,2 posti di lavoro a tempo pieno, ma ce ne vorrebbero subito altri tre e sei a più lungo termine, ha detto all'agenzia Keystone-ATS.

La richiesta di informazioni nell'ambito della digitalizzazione è aumentata ulteriormente lo scorso anno, in particolare riguardo al "cloud computing", ha aggiunto. Con il suo uso gli enti pubblici sperano di risparmiare investimenti in programmi e dotazione tecnica. Ma le offerte disponibili in rete implicano una perdita di controllo e una mancanza di trasparenza. "Nulla è gratuito. Chi non paga per un servizio lascia i propri dati in balia", ha avvertito.

Ad esempio, scuole e altri organi cantonali non possono assicurare il rispetto della legge sulla tutela dei dati quando utilizzano Whatsapp e Dropbox.

Particolarmente delicata è poi la tutela delle informazioni sulla salute, che sono piuttosto difficili da rendere anonime e che possono portare a discriminazioni. Anche se i dati personali sono stati tecnicamente tolti alcuni pazienti si possono comunque riconoscere perché sono affetti da malattie particolarmente rare.

Baeryswyl ha ricordato che la digitalizzazione dell'amministrazione è una grande sfida per la tutela dei dati. Egli ritiene la nuove direttive di base dell'Unione Europea "un passo importante per rafforzare i diritti dei cittadini". La Svizzera - ha aggiunto - ha l'opportunità di adottare una propria via, che rafforzi l'efficacia delle leggi di protezione dei dati e si adattati alle nuove sfide digitali.

TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
6 ore
Freddy Nock condannato a due anni e mezzo di prigione
Il funambolo 55enne è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale nei confronti di sua moglie
TURGOVIA
8 ore
Ciclista 15enne investito e ucciso da un'auto
Alla guida dell'automobile c'era una donna di 27 anni
SVIZZERA
9 ore
Accordo quadro, Pfister attacca Cassis: «Mostri più polso»
Il presidente del PPD ne ha pure per il segretario di Stato Roberto Balzaretti: «Ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la miglior possibilità. Va sostituito»
SVIZZERA
12 ore
I Verdi «erano e rimangono pronti»
La candidata Regula Rytz ha reagito con toni battaglieri alla sconfitta di questa mattina, tracciando la via per il prossimo quadriennio: «Servirà un segnale ancora più forte»
FOTO
LUCERNA
15 ore
Beccate tre "auto-igloo"
La visibilità dai vetri dei veicoli era chiaramente insufficiente per circolare: «Prendetevi il vostro tempo. La sicurezza è fondamentale»
STATI UNITI
15 ore
UBS accusata di truffa: a giudizio negli USA
Il Dipartimento di giustizia accusa la maggiore banca svizzera di aver causato agli investitori perdite "catastrofiche" con crediti ipotecari residenziali
SVIZZERA
16 ore
Nessuna sorpresa, Cassis rimane al suo posto
Il consigliere federale ticinese è stato rieletto con 145 voti. Alla presidente dei Verdi Regula Rytz non è riuscita la scalata al Governo
SAN GALLO
16 ore
Pedone investito da un automobilista: erano entrambi ubriachi
L'incidente è avvenuto ieri sera a Oberhelfenschwil. Un 66enne è finito in ospedale
SVIZZERA
17 ore
Il Consiglio federale ha prestato giuramento
L’Assemblea federale ha riconfermato tutti i consiglieri uscenti. Sommaruga eletta presidente per il 2020. Tutte le cifre delle votazioni nel nostro live
SVIZZERA
19 ore
Ignazio Cassis resterà in Consiglio federale?
Il Parlamento procederà stamattina con l'elezione del Governo. La poltrona del ticinese è presa di mira dalla presidente dei Verdi Regula Rytz, che però difficilmente avrà i numeri per scalzarlo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile