Ti Press
SVIZZERA
02.07.18 - 11:510

Call Center, il CCL vale per tutti

Dal 1° luglio il contratto collettivo di lavoro sarà obbligatorio per tutti i fornitori di servizi in Svizzera

BERNA - Dal 1° luglio 2018 il contratto collettivo di lavoro (CCL) del settore dei contact e call center vale obbligatoriamente per tutti i fornitori di servizi in Svizzera. È il primo CCL del ramo a ricevere l‘obbligatorietà generale e questo rappresenta una tappa importante per la protezione dei lavoratori.

Il CCL settoriale dei contact e call center, negoziato dai partner sociali contactswiss, CallNet.ch e syndicom, ha ricevuto dal Consiglio federale l’obbligatorietà generale a partire dal 1° luglio 2018. Questo permette una regolamentazione universale delle condizioni di lavoro dei dipendenti e la fissazione di standard minimi uniformi.

Con il conferimento dell’obbligatorietà generale 3500 lavoratori godranno di condizioni di lavoro tutelate. Ci saranno salari, orari di lavoro e ferie obbligatorie che equivalgono anche ad un apprezzamento del lavoro. Tutto ciò è molto importante per il settore perché gli permette di rivalutare l’intero profilo professionale e ottenere un maggior riconoscimento.

Inoltre, d’ora in avanti, le disposizioni del CCL che hanno ottenuto l’obbligatorietà generale consentono alla Commissione paritetica di controllare e sanzionare, attraverso il proprio ufficio d’esecuzione, violazioni anche di ditte esterne e agenzie interinali, il che complessivamente condurrà ad un aumento degli standard minimi e al loro rispetto.  

Il CCL e la sua obbligatorietà generale danno ai lavoratori dei contact e call center le garanzie necessarie contro il dumping salariale e sociale. Inoltre i datori di lavoro possono tornare a farsi concorrenza tramite il criterio della qualità invece che attraverso le condizioni di lavoro. Si tratta di un fattore particolarmente importante nel contesto delle discussioni in corso sul futuro delle misure di accompagnamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Studentessa covid-positiva, 109 persone messe in quarantena
È successo ad Arlesheim, a casa tutta la classe e anche i partecipanti a una festa del locale centro giovani
SVIZZERA
9 ore
Il clima ha avvicinato i giovani alla politica?
La questione climatica è diventata un tema di grande importanza per i giovani, nonostante la politica sia poco seguita
ZURIGO
10 ore
Condannato per l'omicidio della moglie, in seconda istanza il tribunale lo assolve
La donna uccisa nel 2009 a colpi di pistola aveva una relazione extraconiugale, per il giudice però mancano le prove
SVIZZERA
12 ore
Christine Lévy sarà (anche) “Miss. Corona”
La nuova direttrice dell'UFSP da ottobre guiderà ad interim la Task Force per il coronavirus
SVIZZERA
12 ore
Pochi medici di famiglia fino al 2030, poi c'è ottimismo
Lo sostiene l'Associazione Medici di famiglia e dell'infanzia Svizzera (mfe)
SVIZZERA
13 ore
«Ora tocca a voi!»
La campagna dell'Ufficio federale della sanità pubblica è indirizzata a tutti ma in particolare ai giovani
SVIZZERA
14 ore
Per Migros sarà un anno da record
Più attenzione ai piccoli negozi con la pandemia: «Se la gente lavora di più a casa, farà acquisti dietro l'angolo»
ZURIGO
15 ore
Tre Pink Panther in gabbia
Condanne tra cinque e sette anni e mezzo di prigione per tre presunti membri della banda balcanica di rapinatori.
ZURIGO
15 ore
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
17 ore
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile