Keystone
SVIZZERA
25.06.18 - 07:290
Aggiornamento : 10:27

Più volentieri a scuola reclute, merito del nuovo modello

Grazie al nuovo modello - introdotto per la prima volta lo scorso mese di gennaio -, i giovani, stando alle cifre rilevate, affrontano la scuola reclute con un certo sollievo

BERNA - Ora, ad esempio, durante le marce, i militi che lo desiderano possono indossare anche delle sneakers. Senza contare poi che - oltre alle ore di sonno portate a un minimo di sei - già nel corso della prima settimana di scuola reclute è in programma la prima libera uscita.

L’esercito, in pratica, non ha lesinato sulle misure per rendere più attrattive le diciotto settimane (prima erano ventuno) e ridurre il numero di partenze già nei primi giorni. Il nuovo modello, tanto criticato e spesso definito “Kuschel-RS” (una scuola reclute a base di coccole, in pratica) sta però dando i suoi frutti.

Nel 2018, per la prima volta il numero di giovani che hanno abbandonato la scuola reclute è inferiore a quello dell’anno precedente: tant’è vero che quest’anno ha lasciato il servizio solo il 12% dei 10763, contro il 15% dei 16615 del 2017.

Pertanto, la portavoce dell’esercito Delphine Allemand, suggerisce di confrontare le cifre «con una certa cautela» e si limita a parlare di «primi effetti positivi».

Per la consigliera nazionale Priska Seiler Graf (PS), l’esercito è sulla strada giusta: «L’obiettivo deve essere quello di motivare i giovani. Il lavoro duro appartiene al passato. Tuttavia, non si può parlare di “Kuschel-RS”: i militi continuano comunque a mettere alla prova i loro limiti».

Nel contempo Markus Müller, il portavoce del “Gruppo Giardino - Per un forte esercito di milizia”, sostiene che la riduzione delle partenze è certamente un aspetto positivo. Il problema, tuttavia, secondo Müllter, è quale tipo di segnale l’esercito intende dare ai giovani: «Il fatto che definizioni come “Kuschel-RS” siano in uso non favorisce di certo la reputazione dell’esercito».

Lo psicologo militare Hubert Annen, dal canto suo, sostiene che «i giovani del giorno d’oggi si aspettano che l’esercito mostri loro il significato delle varie attività». «Solo urlare ordini non va bene», sottolinea. «Dar loro più tempo libero è sicuramente un fattore di motivazione», aggiunge. E questo non vuol dire che parliamo di una scuola reclute “light”: «Abbiamo potuto appurare che con un inizio “tranquillo”, dopo undici settimane le reclute sono efficienti quanto prima. Con queste misure si possono ottenere dei buoni risultati», conclude.



Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bobà 2 anni fa su tio
Il CF vuole rendere meno attrattivo il Servizio Civile, per esempio aumentando ancora di più la durata del servizio (già ora il SC è più lungo della Scuola Reclute) Secondo me, il CF deve rendere più attrattiva la SR se si desiderano meno civilisti; questo è un primo passo, ma molti ancora s'hanno da fare.
Corsica 2 anni fa su tio
la mi scuola reclute é stata stupenda ...durissima ma ad oggi la porto nel mio cuore!
Corsica 2 anni fa su tio
ciola i giovani d'oggi sono quasi tutti dei lavativi, tra un po gli mettono le calze a rete.
Mattiatr 2 anni fa su tio
@Corsica Grazie :-D
SosPettOso 2 anni fa su tio
Talmente "buoni risultati" da dover prendere misure per limitare il passaggio al servizio civile... Qualcuno non la racconta giusta!
Foxdilollo78 2 anni fa su tio
Vacanze-forzate quindi...
VISIO 2 anni fa su tio
Il merito va ai professionisti che rispettano le persone, e non come fu negli anni 50 al 80
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 ora
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
2 ore
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
ZURIGO
3 ore
Donna spinta sui binari, «Ho tenuto a terra il responsabile»
Arrestato un 27enne di origini eritree. Il testimone: «Lui si è comportato come se non fosse successo niente».
SVIZZERA
3 ore
«Niente più caramelle vicino alle casse dei supermercati»
La proposta è stata accolta con favore dal Consiglio federale
TURGOVIA
6 ore
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
7 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
7 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
18 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
22 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile