Keystone
SVIZZERA
13.06.18 - 15:340

Svizzeri all'estero "privati" di Postfinance

Gli Svizzeri all'estero non avranno diritto di accedere ai servizi di PostFinance alle stesse condizioni dei loro compatrioti residenti nella Confederazione

BERNA - Gli Svizzeri all'estero non avranno diritto di accedere ai servizi di PostFinance alle stesse condizioni dei loro compatrioti residenti nella Confederazione. Il Consiglio degli Stati ha infatti bocciato - con 30 voti contro 9 e 4 astensioni - una mozione della Commissione della politica estera del Nazionale che chiedeva una modifica dell'Ordinanza sulle poste.

La filiale del gigante giallo ha una responsabilità particolare nei confronti degli Svizzeri all'estero essendo la sua società madre - La Posta appunto - di proprietà della Confederazione. Per quel che concerne il rilascio delle carte di credito, non si tratta di privilegiare i connazionali domiciliati in un altro Paese ma di permettere loro di disporre di condizioni analoghe a quelle garantite in Svizzera, ha spiegato Didier Berberat (PS/NE) a nome della commissione.

Adottare questa mozione significherebbe creare una disparità di trattamento rispetto agli istituti bancari privati, ha replicato la consigliera federale Doris Leuthard. Significherebbe anche imporre a Postfinance impegni rischiosi, vietandogli nel contempo di effettuare investimenti finanziari su mercati stabili e conosciuti.

Inoltre, le carte di credito non fanno parte dell'offerta di base alla quale ogni cittadino residente in Svizzera può pretendere. La concessione di una carta di credito dipende infatti dalla situazione finanziaria e professionale e non c'è quindi ragione di privilegiare gli Svizzeri all'estero, ha spiegato Doris Leuthard convincendo il plenum.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
7 ore
Un ordigno inesploso crea il caos a Hinwil
La munizione si trovava nel centro logistico dell'esercito ed è stata messa in sicurezza e rimossa in serata dagli specialisti. L'area è stata off-limits per almeno mezz'ora
FOTO
ZURIGO
13 ore
Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»
Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso
FOTO
LUCERNA
14 ore
Vola nel burrone e ne esce illeso
È andata di lusso al conducente di un furgone che questa mattina è stato protagonista di un incidente avvenuto a Entlebuch
SVIZZERA
15 ore
BNS, i tassi negativi sono «sempre necessari»
La Banca nazionale svizzera ha ribadito oggi la propria disponibilità a intervenire all'occorrenza sul mercato dei cambi, che «rimane fragile»
VAUD
15 ore
Non sa abbastanza bene il tedesco: 22enne romando escluso da Swisscoy
Il centro di competenza dell'Esercito non indicava alcun livello minimo per accedere alla formazione: «È per non scoraggiare nessuno»
SVIZZERA
17 ore
Ecco il primo rifugiato con un impiego fisso presso La Posta
L'azienda descrive così Henok Afewerki: «Da ragazzo dal futuro incerto a collaboratore della logistica con ottime prospettive»
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Ne hanno fatto esplodere un altro
Preso di mira la notte scorsa un bancomat a Sevelen. I danni ammontano a circa 100mila franchi
SVIZZERA
18 ore
Svizzeri in vacanza? Sicurezza e prossimità
Il TCS ha elencato una serie di consigli per le vacanze all’estero
ZURIGO
18 ore
«Mentre camminavo la scarpa ha iniziato a squagliarsi da sola»
L'incredibile vicenda accaduta a una zurighese. La colpa sarebbe del dispositivo antitaccheggio nella suola, per gli esperti però è un enigma
SVIZZERA
18 ore
Preferenza indigena e obbligo d'annuncio: «Raccontiamola giusta»
Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale chiedendo di fare luce sulla reale efficacia della misura implementata nel 2018
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile