Tipress
SVIZZERA
14.05.18 - 18:100

Parità salariale, la commissione degli Stati non cambia idea

I datori di lavoro con più di 100 dipendenti devono effettuare un'analisi sulla parità salariale e sottoporla a verifica

BERNA - I datori di lavoro con più di 100 dipendenti devono effettuare un'analisi sulla parità salariale e sottoporla a verifica. È l'opinione della Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura degli Stati che ribadisce così una posizione già espressa.

In febbraio il Consiglio degli Stati era entrato in materia con 25 voti contro 19 e 1 astensione sul progetto del Consiglio federale volto a realizzare l'obbligo costituzionale di garantire la parità salariale.

In seguito, con 25 voti contro 19, aveva deciso di rinviare il disegno alla commissione allo scopo di esaminare diverse alternative. Dopo aver valutato delle varianti, la commissione ha deciso - con 8 voti contro 4 e 1 astensione - di mantenere la proposta già presentata alla Camera dei Cantoni, si legge in un comunicato odierno dei servizi del Parlamento.

Una minoranza propone un modello di dichiarazione autonoma nei rapporti di gestione per le imprese private con più di 100 dipendenti. Questa dovrebbe attestare che l'impresa rispetta la parità salariale. Il metodo di analisi dovrebbe inoltre essere libero.

All'unanimità, la commissione sottolinea nuovamente l'importanza di rafforzare l'impegno del settore pubblico, ritenendo che quest'ultimo debba dare l'esempio per quanto riguarda la parità salariale. Propone quindi che i datori di lavoro del ramo pubblico siano assoggettati all'obbligo di pubblicare i risultati e i dettagli delle analisi sulla parità salariale

TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 min
Con il coronavirus è crollata la vendita di vino
Il motivo? I ridotti contatti sociali spingono a consumare meno alcool
ZURIGO
40 min
Addio al sogno di una casa propria per i prezzi alle stelle
Le differenze tra 20 anni fa e oggi: ora ci si può permettere la metà dello spazio
BERNA
1 ora
L'Onu critica il progetto svizzero contro il terrorismo
La questione è se una detenzione preventiva sia conforme alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo
BERNA
3 ore
Berna assicura: i caccia costeranno meno del previsto
Armasuisse stima spese più basse anche di 6 miliardi rispetto a quanto calcolato dagli oppositori.
BERNA
4 ore
Coronavirus: l'effetto delle misure di contenimento fase per fase
Il Poli di Losanna ha studiato ciò che ha funzionato finora. Incognite sull'effetto della riapertura dei commerci.
BERNA
5 ore
Coronavirus: +17 casi in Svizzera
Non si registra alcun nuovo decesso legato al Covid-19.
BERNA
6 ore
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
ARGOVIA
6 ore
Morta a 13 anni per cyber bullismo: la battaglia si fa politica
I genitori di Céline gettano la spugna a livello giuridico. Pronta però un'iniziativa parlamentare.
RUSSIA / SVIZZERA
8 ore
Navalny punta il dito contro la Svizzera
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
8 ore
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile