Keystone
GRIGIONI
30.04.18 - 09:300
Aggiornamento : 12:24

La cassa malati non paga, paziente muore a causa dell'Aids

L'uomo si trovava sulla lista nera degli assicurati morosi: negato il trattamento che avrebbe potuto salvargli la vita

COIRA - Un uomo sulla cinquantina è morto a causa dell’Aids all’ospedale cantonale di Coira perché la sua cassa malati si è rifiutata di rimborsare le terapie che avrebbero potuto evitare l’insorgere della malattia, prima, e rallentarne il decorso, poi.  Il motivo? Il paziente si trovava sulla lista nera degli assicurati morosi, elenco stilato da nove cantoni (fra i quali anche il Ticino) che prevede che a chi non paga i premi siano rimborsate solo le prestazioni d’emergenza.

Come riporta la SonntagsZeitung, l’uomo, sieropositivo, aveva fatto richiesta di rimborso della terapia contro il virus dell’Hiv nel 2016, quando non aveva ancora sviluppato l’Aids. La sua cassa malati, la Ökk, gliel’aveva rifiutato: non era un trattamento d’urgenza. A nulla erano valse le dichiarazioni dei suoi medici, che mettevano in guardia dal possibile esito fatale di un mancato trattamento. Nel 2017 il paziente aveva sviluppato l’Aids ed era tornato a chiedere alla cassa malati di assumersi i costi delle cure. Anche allora, la Ökk aveva risposto picche. Vittima di diverse patologie collaterali, l’uomo era morto in ospedale a fine anno.

«La morte di questa persona dipende anche dal fatto che si trovasse su questa lista nera», denuncia Lisa Janisch, direttrice di Aiuto Aids Svizzera - Grigioni. Secondo l’organizzazione, ci sono almeno «8-10» persone sieropositive in Svizzera che, schedate, lottano per avere il rimborso dei 2mila franchi mensili per la terapia che contrasta il virus dell’Hiv e impedisce l’insorgenza dell’Aids.

Il numero degli assicurati morosi che si trovano su una lista nera cantonale è di 33’575. In Ticino sono quasi 4mila, rivelava in novembre la Aargauer Zeitung. L’uomo deceduto a Coira viene descritto come un normale operaio che aveva dei debiti ed era stato interessato da un’esecuzione richiesta dalla sua cassa malati.  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
2 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
18 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
19 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
20 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
21 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
23 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
1 gior
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile