keystone
ZURIGO
24.04.18 - 08:110

Milioni scomparsi: Julius Bär si aggiudica il round

Il tribunale superiore di Zurigo ha respinto una denuncia contro la banca inoltrata nel 2014 dall'Istituto federale tedesco per i compiti speciali legati alla riunificazione

ZURIGO - Julius Bär ha registrato una nuova vittoria davanti alla giustizia nel suo braccio di ferro con le autorità tedesche nella causa legata alla scomparsa di somme milionarie dell'ex Germania orientale (DDR). Il tribunale superiore di Zurigo ha respinto una denuncia contro la banca inoltrata nel 2014 dall'Istituto federale tedesco per i compiti speciali legati alla riunificazione (Bundesanstalt für vereinigungsbedingte Sonderaufgaben, BvS).

Il tribunale zurighese di seconda istanza ha deciso in favore della banca in una sentenza del 18 aprile, che non è ancora passata in giudicato, precisa Julius Bär.

Da oltre vent'anni la Germania è alla ricerca di milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino. A quanto sembra una società della DDR attiva nel commercio estero spostò grossi importi su conti di banche straniere perché non finissero nelle casse della Germania riunificata.

Si tratta di circa 97 milioni di franchi più gli interessi maturati dal 2004 per un totale di oltre 200 milioni di franchi. Il BvS rivuole i fondi in questione. Il problema sta nel fatto che da tempo il denaro è stato rimosso da tali conti e le tracce sono state cancellate. L'autorità vuole quindi rendere responsabili le banche che non hanno impedito i prelevamenti.

La disputa tra il BvS e Julius Bär riguarda l'ex banca Cantrade, che tra il 1989 e il 1992 non avrebbe bloccato numerosi ritiri di questo genere. Julius Bär aveva rilevato la Cantrade nel 2005 da UBS e quindi secondo l'autorità tedesca ha l'obbligo di restituire i milioni scomparsi. Ma Julius Bär si oppone con vigore, sostenendo che ai tempi in cui sono avvenuti i fatti l'istituto apparteneva a UBS. In base al contratto d'acquisto i rischi legali inerenti a Cantrade sono a carico della maggiore banca svizzera.

TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
49 min
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
1 ora
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
3 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
4 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
4 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
6 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
7 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
8 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
SVIZZERA
8 ore
Un occupato su quattro in Svizzera lavora per una multinazionale
Fra il 2014 e il 2019 il numero di posti di lavoro nelle imprese a controllo cinese è più che settuplicato
SVIZZERA
9 ore
L’esperto: «Feste a Capodanno per mantenere le persone felici»
C’è chi esorta a revocare il coprifuoco in occasione dell’ultimo dell’anno. «Le restrizioni sono un pericolo sociale»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile