MAROCCO/SVIZZERA
14.04.18 - 20:010

Cani abbattuti in vista della visita della Fifa?

Decine di cani del programma di vaccinazione di una fondazione svizzera sono stati uccisi. Ecco la testimonianza della presidente

AGADIR - La presidente della fondazione svizzera Tierbotschafter.ch non ha parole per descrivere la situazione alla quale sta assistendo in Marocco. «Dal 5 aprile, decine di cani che facevano parte del nostro programma di castrazione e vaccinazione sono stati uccisi, feriti o deportati ancora vivi all’interno dei camion» racconta Brigitte Post a 20 Minuten.

I fatti riguardano soprattutto la città di Agadir. Secondo la presidente si tratterebbe di una vera e propria operazione di “pulizia”, effettuata prima dell’arrivo dei funzionari della Fifia in vista della candidatura del Marocco per la Coppa del Mondo del 2026. Le vie della città sarebbero state ripulite per far fare bella figura al Marocco.

«Abbiamo castrato più di un migliaio di cani ad Agadir, sono stati vaccinati contro la rabbia, e contrassegnati» prosegue Post. Il programma è inoltre sostenuto dal municipio, e dovrebbe essere esteso anche ad altre città.

«Mi sono svegliata con i colpi di fucile» ha raccontato I.G.. «Circa una quarantina di uomini armati ha iniziato a sparare a tutti i cani che vedevano, indipendentemente dal fatto che fossero castrati, vaccinati o contrassegnati». Chiunque avesse cercato di impedire agli uomini di sparare o avesse filmato l’azione sarebbe stato arrestato.

Fatti simili erano già capitati in Russia, e allora la Fifa si era difesa dichiarando di non appoggiare gesti crudeli nei confronti degli animali.

Per quanto riguarda invece questo caso specifico, la Fifa non ha voluto esprimersi, «perché la procedura di candidatura è ancora in corso, e potrebbe avere ripercussioni sull’esito».

Tags
cani
fifa
agadir
presidente
marocco
città
vista
programma
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report