Keystone
VALLESE
29.03.18 - 15:060

Le criptovalute fanno rivivere Gondo

La start-up elvetica Alpine Mining ha dato nuova vita al paesino colpito da una terribile frana nel 2000 e che da allora era diventato un villaggio fantasma. E altre potrebbero seguire l'esempio

SION - A Gondo (VS), in un locale senza finestre, lavorano centinaia di server, che in un'atmosfera di rumore incessante generano criptomonete 24 ore su 24. Un'attività che porta nuova vita a questo antico villaggio di cercatori d'oro.

«È molto interessante da un punto di vista storico», spiega all'Afp Paul Fux, vicesindaco della località vallesana vicina al confine italiano e sulla strada del Sempione. «Abbiamo avuto miniere d'oro di fama mondiale fino alla fine del 19esimo secolo; oggi sono arrivati nuovi minatori, giovani, e rilanciano lo sfruttamento minerario». Di valute virtuali.

La società in questione si chiama Alpine Mining: è lei che gestisce il locale di 96 metri quadrati dove sono allineati i server. Una quindicina di grandi tubi espellono l'aria calda prodotta dai computer e immettono 30'000 metri cubi di aria fresca all'ora, spiega il direttore Ludovic Thomas, che fatica a farsi sentire in mezzo al baccano informatico.

I suoi supercomputer, guidati da specialisti, sono responsabili della risoluzione delle complesse equazioni matematiche necessarie per creare una "blockchain", un protocollo informatico che si aggancia a un gigantesco database pubblico, sicuro e condiviso.

Le applicazioni di questa tecnologia sono molte, ma la più nota è quella che consente la creazione delle criptovalute, come il bitcoin. Più le macchine sono potenti - e quindi energivore - più velocemente viene creata la valuta.

L'arrivo sette mesi fa della start-up elvetica Alpine Mining, installatasi a Gondo a causa del prezzo molto basso dell'elettricità, ha portato un vento di rinnovamento nel villaggio alpino, segnato nel 2000 da una tragedia: il 14 ottobre di quell'anno dopo piogge torrenziali una frana distrusse un terzo del paese, uccidendo 13 persone.

Non lontano dalla miniera high tech di Alpine Mining - la cui posizione deve rimanere segreta - si trovano le galline che razzolano nel cortile di una delle poche case della località incassata fra ripide montagne. Poco lontano è in corso di realizzazione una seconda miniera.

«Gli abitanti sono felici di vedere dei giovani, vedere che la vita può riprendere», afferma Thomas, che ha 26 anni. Dopo il dramma il comune ha cercato invano di attirare imprese per evitare la morte del villaggio, gli fa eco Fux. Che si dice rallegrato dal fatto che i sei giovani informatici presenti sul posto siano sopravvissuti al loro primo inverno in montagna....

Nel locale in cui viene generata la moneta virtuale, il caldo, che raggiunge i 41 gradi, è soffocante. Le luci arancioni e verdi lampeggiano mentre Ludovic Thomas controlla il sistema di aerazione. Il suo look urbano e i tatuaggi sulle braccia contrastano con lo stile montanaro dei 50 abitanti di Gondo, ma tutti assicurano che si va d'accordo.

Il comune affitta due alloggi. Dopo la catastrofe del 2000, non tutti sono tornati, spiega Fux. Nel 2017 l'amministrazione doganale è stata trasferita e una delle tre stazioni di servizio nel villaggio è stata chiusa.

La frazione del comune di Gondo-Zwischbergen era diventata una specie di villaggio fantasma: eppure passano 400 camion al giorno e la località è da due ore da Milano, sottolinea Simon Squaratti, un dipendente comunale che accoglie con favore l'arrivo dei cripto-minatori, sebbene ammetta di non capire bene quello che facciano.

La maggior parte degli edifici sono vuoti. Non c'è scuola, niente panetteria, niente negozi, niente bar. Ma non pochi pensano che l'arrivo di Alpine Mining possa invertire la tendenza. Un primo ristorante ha aperto i battenti a inizio marzo. E una "una dozzina" di aziende, tutte attive nel campo della creazione di criptovalute, desiderano stabilirsi a Gondo, annuncia orgogliosamente Fux. Il comune sta aspettando che le autorità cantonali accettino di trasformare dei terreni in zone edificabili.

Perché Gondo? «Abbiamo le tariffe elettriche più convenienti della Svizzera», poiché il comune «offre prezzi preferenziali per attirare» le imprese, spiega il direttore di Alpine Mining. «Quindi possiamo ridurre i nostri costi di raffreddamento sfruttando il clima alpino», aggiunge.

Ma la crescita dell'azienda rimane limitata in questo villaggio, che ha un solo trasformatore: la costruzione di un secondo richiederebbe troppo tempo. Thomas intende quindi organizzare altre miniere in Vallese, cantone re dell'idroelettrico. «Un tempo c'era la gold rush, la corsa all'oro: oggi abbiamo la crypto rush...», conclude l'imprenditore.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore

«Occorre più coraggio nella lotta contro gli hooligan»

La consigliera federale Karin Keller-Sutter invita comuni e cantoni a reprimere la violenza durante le partite: «Gli strumenti ci sono, bisogna solo usarli»

BASILEA CITTÀ
3 ore

Pensionate ignare candidate sulla lista di estrema destra

L'attivista nazionalista Eric Weber correrà al nazionale con due esordienti ottuagenarie, ma almeno una di loro non ne sapeva niente

SVIZZERA
5 ore

Traffico a lunga distanza: c'è l'accordo

La concessione rimane alle FFS, la BLS eserciterà le proprie linee sotto responsabilità propria e con materiale rotabile e personale propri

SVIZZERA
6 ore

Le donne tradiscono meno degli uomini

Lo indica un sondaggio sulle abitudini sessuali degli svizzeri. L’esperto spiega per quale motivo l’infedeltà è maschile

VIDEO
VAUD
16 ore

Valanga di infrazioni per salvare un cane aull'A1

Degli utenti delle autostrade un po'... naïf, hanno messo a repentaglio la loro incolumità per aiutare un animale in fuga

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile