Keystone
GINEVRA
26.03.18 - 14:520

Rimandata a casa dalla maternità, partorisce in taxi

Una donna di 33 anni ha dato alla luce il suo terzogenito nel tragitto tra casa e ospedale. «Non mi hanno ricoverato nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo»

GINEVRA - Il parto era previsto per la settimana successiva. Per questo motivo una donna di 33 anni, domenica 11 marzo, è stata rimandata a casa dal reparto maternità dell’ospedale universitario di Ginevra (HUG). Ma appena tornata a casa ecco la sorpresa: alla donna si rompono improvvisamente le acque e partorisce nel taxi che la stava nuovamente accompagnando in ospedale.

La vicenda, raccontata dalla “Tribune de Genève”, era iniziata la notte precedente quando la 33enne inizia ad accusare i primi sintomi di malessere collegati all’imminente parto. Dopo aver chiamato l’ospedale, i dolori si intensificano e lei e suo marito si precipitano al reparto maternità, dove, però, le levatrici garantiscono alla coppia che il bimbo non sarebbe nato prima di una settimana. «Quando ho dato alla luce il mio primogenito all’ospedale Santa Cruz sono stata ricoverata per due giorni. Qui, nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo, mi hanno rimandata a casa», confida la madre al giornale ginevrino.

Poco dopo il ritorno a casa, alla 33enne si rompono le acque. Il piccolo Julien viene al mondo sul sedile posteriore del taxi poco prima di giungere in ospedale. Giunti all’HUG, la madre viene subito ricoverata per un’emorragia e per l’espulsione della placenta. Il bimbo, da parte sua, sta bene.

La madre deplora il comportamento dei dipendenti ospedalieri. «Non mi hanno dato alcun sostegno psicologico. Anzi. Tutti discutevano divertiti di quel bèbè nato sul taxi».

Nicolas De Saussure, il portavoce dell’istituto, assicura che «questi casi sono estremamente rari, soprattutto se la madre ha già contattato il reparto maternità». Se il travaglio non è ancora iniziato, una donna può essere rimandata a casa, ma solo con il suo consenso.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
27 min
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
1 ora
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
2 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
2 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
5 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
6 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
7 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
7 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
FOTO
BASILEA CITTÀ
9 ore
Birra al pesce, anatra strozzata: il video fa arrabbiare gli animalisti
Animali maltrattati sui social: è polemica su un gruppo di giovani basilesi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile