Keystone
GINEVRA
26.03.18 - 14:520

Rimandata a casa dalla maternità, partorisce in taxi

Una donna di 33 anni ha dato alla luce il suo terzogenito nel tragitto tra casa e ospedale. «Non mi hanno ricoverato nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo»

GINEVRA - Il parto era previsto per la settimana successiva. Per questo motivo una donna di 33 anni, domenica 11 marzo, è stata rimandata a casa dal reparto maternità dell’ospedale universitario di Ginevra (HUG). Ma appena tornata a casa ecco la sorpresa: alla donna si rompono improvvisamente le acque e partorisce nel taxi che la stava nuovamente accompagnando in ospedale.

La vicenda, raccontata dalla “Tribune de Genève”, era iniziata la notte precedente quando la 33enne inizia ad accusare i primi sintomi di malessere collegati all’imminente parto. Dopo aver chiamato l’ospedale, i dolori si intensificano e lei e suo marito si precipitano al reparto maternità, dove, però, le levatrici garantiscono alla coppia che il bimbo non sarebbe nato prima di una settimana. «Quando ho dato alla luce il mio primogenito all’ospedale Santa Cruz sono stata ricoverata per due giorni. Qui, nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo, mi hanno rimandata a casa», confida la madre al giornale ginevrino.

Poco dopo il ritorno a casa, alla 33enne si rompono le acque. Il piccolo Julien viene al mondo sul sedile posteriore del taxi poco prima di giungere in ospedale. Giunti all’HUG, la madre viene subito ricoverata per un’emorragia e per l’espulsione della placenta. Il bimbo, da parte sua, sta bene.

La madre deplora il comportamento dei dipendenti ospedalieri. «Non mi hanno dato alcun sostegno psicologico. Anzi. Tutti discutevano divertiti di quel bèbè nato sul taxi».

Nicolas De Saussure, il portavoce dell’istituto, assicura che «questi casi sono estremamente rari, soprattutto se la madre ha già contattato il reparto maternità». Se il travaglio non è ancora iniziato, una donna può essere rimandata a casa, ma solo con il suo consenso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
6 ore
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
6 ore
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
9 ore
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
FRIBURGO
10 ore
Contro un palo con la slitta, finisce in ospedale
È accaduto a Schwarzsee. La donna ha subito gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale
SONDAGGIO
SVIZZERA
11 ore
Macché data di scadenza? Lidl introduce l'etichetta "Spesso buono oltre"
Accompagnerà la dicitura "Da consumare preferibilmente entro", che non è una data di scadenza
APPENZELLO ESTERNO
12 ore
Centauro sfreccia a 147 km/h in una zona 80
Multa salatissima, ritiro patente e denuncia per un 54enne pizzicato da un controllo di velocità
FOTO
VALLESE
1 gior
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
1 gior
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
VAUD
1 gior
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
SVIZZERA/KENYA
1 gior
Due arresti per lo stupro e l'omicidio della missionaria svizzera
La 74enne viveva sola ed era stata aggredita per una rapina, le autorità keniane a caccia di una terza persona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile