Keystone
BERNA
14.03.18 - 18:160
Aggiornamento : 19:36

I beneficiari di prestazioni complementari «dovranno stringere la cinghia»

Secondo la maggioranza di destra, l'importo destinato al fabbisogno vitale generale dei primi due figli è troppo elevato per i bambini piccoli e le famiglie numerose

BERNA - Non tutti i beneficiari di prestazioni complementari (PC) dovrebbero ricevere più soldi per le loro spese d'affitto. Il Consiglio nazionale ha corretto oggi al ribasso l'aumento previsto nella riforma delle PC e ha tagliato pure negli aiuti per i figli. L'esame particolareggiato di questo voluminoso dossier proseguirà domani.

Dalle decisioni odierne risulta che le famiglie dovranno stringere la cinghia. Secondo la maggioranza di destra, l'importo destinato al fabbisogno vitale generale dei primi due figli, stabilito nel calcolo delle PC a 840 franchi al mese per figlio, è infatti troppo elevato per i bambini piccoli e le famiglie con più figli.

Contro il parere della sinistra, la Camera del popolo ha di conseguenza deciso di appoggiare il seguente modello: per il primo figlio fino agli 11 anni di età sono calcolati 590 franchi al mese, in seguito 840 franchi. Per ogni figlio successivo questi importi si riducono di un sesto, fino a un minimo di 280 franchi.

Sempre secondo la maggioranza borghese, le famiglie beneficiarie delle PC non devono essere avvantaggiate finanziariamente rispetto alle altre con un reddito modesto. Non è colpa dei figli se i genitori hanno una rendita AVS o AI che non basta loro per vivere. Così facendo si ridurranno ancor più le loro chance, ha criticato invano la sinistra.

Il Consiglio federale non si è opposto alla distinzione dell'importo a seconda dell'età dei figli voluto dalla maggioranza borghese. Essa si giustifica secondo uno studio, ma occorre tener conto delle spese per la custodia extra-famigliare dei figli con meno di 11 anni, ha spiegato il ministro della socialità Alain Berset.

Ma alla fine PLR e UDC - seppur di misura - sono riusciti ad eliminare anche questa presa a carico. Se accolte, le misure concernenti i figli consentiranno di risparmiare 24 milioni di franchi.

Spese per l'alloggio

La riforma delle PC comprende anche altri aspetti. Ad esempio gli aiuti per le spese generate dall'affitto, immutati dal 2001, dovranno essere rivisti. A differenza del Consiglio degli Stati, il Nazionale ha tuttavia deciso che solo le persone che abitano in città dovrebbero vedersi aumentato tale aiuto da 13'200 a 14'400.

Gli altri dovrebbero accontentarsi dell'importo attuale e non beneficerebbero quindi di un adeguamento dell'ammontare delle PC alla crescita delle pigioni. Se l'economia domestica è composta da più persone, è previsto un supplemento di al massimo 2'500 franchi per persona.

I "senatori" avevano optato per una differenziazione regionale e per importi più elevati: una persona sola riceverebbe fra 14'520 e 16'440 franchi, a seconda della regione in cui vive. Se il nucleo famigliare è composto da più persone, sarebbe previsto un supplemento di 3000 franchi per il secondo individuo.

La sinistra ha tentato invano di convincere il plenum ad essere più generoso, criticando il fatto che non si tenga sufficientemente conto delle differenze regionali. Ma nulla ha potuto contro il voto compatto di UDC e PLR. Con 102 voti contro 90, la maggioranza di destra ha inoltre deciso che i cantoni potranno ridurre del 10% gli importi su tutta o una parte del loro territorio o per taluni tipi di alloggio.

Prelievi di capitale del secondo pilastro

Un'altra questione controversa è stata quella dei prelievi di capitale della previdenza professionale da parte dei pensionati. Questa misura ha infatti diviso i vari schieramenti già in sede commissionale.

Alla fine il Nazionale ha nettamente respinto l'idea di vietare ai pensionati di prelevare il loro secondo pilastro come capitale per evitare che taluni dilapidino i loro soldi prima di sollecitare le PC. Occorre puntare sulla responsabilità individuale e non creare un'inutile burocrazia, ha giustificato Regine Sauter (PLR/ZH).

L'utilizzazione del secondo pilastro per l'acquisto di un bene immobiliare rimarrà inoltre possibile. I salariati che auspicano di impiegare il loro avere di previdenza per lanciare una propria attività commerciale potranno pure continuare a farlo senza restrizioni. Il Nazionale non ha voluto limitare il prelievo all'importo risparmiato all'età di cinquant'anni.

Durante questa prima parte di dibattito - durato quasi sette ore - la Camera del popolo ha pure ha stabilito che chi beneficia di una rendita AI o per superstiti e, senza un valido motivo, utilizza all'anno oltre il 10% del proprio patrimonio, riceverà prestazioni complementari ridotte. Quanto ai beneficiari di una rendita AVS, è computato un consumo del patrimonio negli ultimi dieci anni prima del pensionamento secondo le stesse regole. In caso di patrimoni inferiori a 100'000 franchi, il limite è posto a 10'000 franchi all'anno.

TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
11 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
12 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
17 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
18 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
19 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
20 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
20 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
22 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile