Tipress
BERNA
12.03.18 - 16:040
Aggiornamento : 17:42

AutoPostale: il Governo «pronto a far chiarezza»

Il procedimento penale aperto dall'Ufficio federale di polizia parte dal 2007. Il tema sarà discusso dal Parlamento mercoledì

BERNA - Non accennano a placarsi le critiche e gli interrogativi sollevati dallo scandalo delle manipolazioni contabili presso AutoPostale. Messo sotto pressione dall'insieme dei partiti, il Consiglio federale ha fornito oggi alcuni elementi chiarificatori, dicendosi pronto a fare piena luce su tutte le aziende sovvenzionate. Il Parlamento ne discuterà mercoledì.

Rispondendo a una serie di interpellanze urgenti di PS, UDC, PLR, PPD, Verdi, PVL e PBD, il governo ha precisato che l'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha aperto un procedimento penale contro AutoPostale il 2 marzo, dal quale potrebbero scaturire multe o sanzioni pecuniarie.

Il procedimento parte dal 2007 e non ha limiti temporali, ha precisato la ministra dei trasporti Doris Leuthard al Nazionale durante l'"ora delle domande". Non si ferma quindi al 2015, come annunciato in un primo tempo dal governo. Per il 2016 e 2017, l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) deve tuttavia ancora valutare se siano state versate sovvenzioni indebitamente, ha specificato rispondendo a Olivier Feller PLR/VD). Nessun contratto di prestazione né indennizzo è stato invece firmato per il periodo 2018/2019.

Parallelamente La Posta ha incaricato lo studio di avvocati Kellerhals Carrard ed esperti contabili di d'Ernst & Young di condurre un'inchiesta esterna. Un comitato di tre esperti dovrebbe garantire l'indipendenza della stessa. Anche in Francia sono in corso procedimenti giudiziari.

In vista dell'Assemblea generale 2018 della Posta Svizzera SA, è previsto di nominare un esperto o istituire un controllo speciale in particolare per quanto riguarda i conti 2017 e il discarico da concedere al consiglio di amministrazione.

La cronologia - Interrogato sulla cronologia dello scandalo, il Consiglio federale ha indicato che dubbi sono emersi dopo che AutoPostale è stata ristrutturata in subholding, sin dal suo primo esercizio contabile 2016. Secondo il rapporto di revisione dell'UFT del 6 febbraio scorso, la Posta ha fornito diversi documenti, ma in un primo tempo si è rifiutata di consentire l'accesso a quelli delle società del gruppo.

Solo dopo un incontro ai vertici fra Susanne Ruoff e l'UFT, all'inizio di settembre del 2017, si è messa a completa disposizione dei revisori. Soltanto da quel momento l'ufficio federale ha potuto disporre di indizi sull'ampiezza delle irregolarità. Il 2 novembre 2017 l'UFT ha informato il Controllo federale delle finanze, il quale ha informato il Consiglio federale.

Le altre aziende - Oltre ad AutoPostale, altre aziende di trasporto ricevono sovvenzioni. L'UFT ha inviato loro una missiva a fine febbraio affinché controllino i loro conti e confermino per iscritto che tutto è conforme alle disposizioni legali. In caso contrario la Confederazione non firmerà con loro contratti per gli anni 2018/2019.

Nel 2013, l'UFT ha sottoposto a perizia la procedura di ordinazione nel trasporto regionale di viaggiatori. Da questa sono emersi ritardi nella definizione del finanziamento di alcune offerte, la complessità delle interfacce procedurali e l'assenza di incentivi volti ad aumentare ulteriormente l'efficienza. Una decisione di indirizzo da parte della Confederazione e dei Cantoni è attesa per metà 2018, ha precisato il governo.

Conflitti d'interesse - Il Consiglio federale ha pure ammesso l'esistenza di conflitti d'interesse nel settore delle aziende pubbliche. Ha però ricordato che ci sono disposizioni per limitarli: la Confederazione separa chiaramente i suoi ruoli di proprietario, autorità di regolazione e sorveglianza del mercato, così come di mandatario o fornitore di servizi.

Tuttavia, a causa delle irregolarità rilevate presso AutoPostale, l'esecutivo è disposto a esaminare una separazione fra controllo delle sovvenzioni e sorveglianza del mercato.

Il governo è anche cosciente della concorrenza potenziale che le imprese statali possono presentare per il settore privato. Se volessimo eliminare completamente questo rischio, bisognerebbe arrivare a una privatizzazione completa, una soluzione che il governo ritiene troppo radicale. Secondo il Consiglio federale, l'attuale separazione dei ruoli è conforme alle norme internazionali.

TOP NEWS Svizzera
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Würenlingen ricorda l'attentato di 50 anni fa con 47 morti
Durante la commemorazione sono state deposte corone di fiori e accese 47 candele
FOCUS
16 ore
Crypto, un Grande Fratello tutto svizzero
Tutto quello che c’è da sapere su uno spionaggio internazionale che vede coinvolta una società di Zugo
SVIZZERA
17 ore
Erano sulla nave MS Westerdam, svizzeri in quarantena
I test iniziali sui passeggeri erano risultati negativi, ma un'americana si è ammalata. Segreti i cantoni di provenienza
SVIZZERA
20 ore
«Il roaming è una truffa, è il momento di intervenire»
Lo chiede l'associazione dei consumatori, che vorrebbe limiti massimi di prezzo fissati dal Consiglio federale
SVIZZERA / CINA
20 ore
Tornano altri cinque svizzeri, poi la quarantena
Con loro anche due parenti cinesi. Il periodo di isolamento contro il coronavirus lo faranno sul nostro territorio
SVIZZERA
20 ore
Due reclute su 10 fuori dal militare per ragioni mediche
Le persone soggette all'obbligo di leva che sono state rimandate per vari motivi sono state 1580.
SVIZZERA
21 ore
UPC taglia 160 posti di lavoro in Svizzera
Si tratta del 10% della forza lavoro complessiva.
TURGOVIA
22 ore
Un altro rapinatore mascherato si aggira per Kreuzlingen
L'uomo ha colpito ieri sera un distributore di benzina ed è fuggito con il bottino
FOTO
SVIZZERA
22 ore
I cuochi dell'esercito svizzero sono i migliori al mondo
Lo Swiss Armed Forces Culinary ha vinto l'oro alle Olimpiadi di Stoccarda
SVIZZERA
1 gior
Anno da record per Sika
Il gruppo chimico di Zugo ha fatto registrare un fatturato di 8.1 miliardi di franchi nel 2019
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile