FRANCIA / SVIZZERA
01.03.18 - 21:510
Aggiornamento : 02.03.18 - 06:57

Una conferenza demolisce l’alibi di Tariq Ramadan

L’islamologo svizzero era in Spagna l’8 ottobre 2009, ed è arrivato a Lione il giorno seguente alle 11.15. Un donna lo accusa di stupro nello stesso pomeriggio

PARIGI - Ci sarebbe un video a demolire l’alibi di Tariq Ramadan, in detenzione a Parigi accusato di stupro.

Una donna, “Christelle”, accusa l’islamologo svizzero di averla violentata in un hotel di Lione «nel pomeriggio» del 9 ottobre 2009. In sua difesa gli avvocati di Ramadan hanno presentato un biglietto aereo a suo nome, per un volo da Londra a Lione il 9 ottobre, con atterraggio all’aeroporto Saint-Exupéry alle 18.35. Per i suoi difensori, questo documento metterebbe definitivamente in dubbio l’accusa.

Libération e Muslim Post hanno però pubblicato un documento che demolisce questo alibi. Secondo le informazioni in loro possesso, Ramadan era arrivato a Lione il 9 ottobre alle 11.15. E il suo volo non è arrivato da Londra, ma da Madrid. Un lasso di tempo che potrebbe collocare l’islamologo nella camera d’albergo «nel pomeriggio», considerato inoltre che la conferenza a cui era atteso era fissata alle 20.30.

Ramadan era in Spagna - Buzzfeed ha pubblicato un altro dettaglio: la sera prima, l’8 ottobre 2009, Tariq Ramadan era in Spagna. Ha parlato pubblicamente a Jerez de la Frontera, a 465 chilometri da Madrid. Era invitato al museo di Atalaya per la 23esima edizione del festival “Agora Juvenil”. L’islamologo doveva parlare pubblicamente alle 17. Il suo aereo è partito il giorno seguente, il 9 ottobre, alle 7.05 per Lione, dove è atterrato alle 11.15.

Ramadan è stato fermato il 2 febbraio a Parigi per l’accusa di due stupri. Ha chiesto la liberazione per motivi di salute - sarebbe affetto da SLA e un’altra malattia -, ma gli è stata negata. I giudici temono il rischio di fuga.

La legenda del video menziona l'anno 2004, ma approfondite verifiche hanno confermato che si tratta del festival dell’8 ottobre 2009.

TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
39 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
1 ora
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
3 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile