BZ
ZURIGO
28.02.18 - 06:000

Divieto di fumo nelle stazioni: un politico invita a non rispettarlo

Per Dietrich Weidmann, la misura, introdotta anche a Bellinzona, è arbitraria. Le FFS: «Non serve un'autorizzazione»

ZURIGO - Dietrich Weidmann è un candidato Verde liberale al Consiglio comunale di Uster (ZH) ed è un non fumatore. Se passaste per la stazione di Stadelhofen, però, lo vedreste invitare i passanti ad accendersi una sigaretta.

«Questo divieto non è valido. Può fumare dove vuole», l’abbiamo sentito dire a una pendolare che, in osservanza al divieto di fumo introdotto in un’area della stazione zurighese, spegneva diligentemente la sua sigaretta prima della linea blu.

Per Weidmann, con il loro progetto pilota - avviato il 1° febbraio scorso anche a Bellinzona - le FFS violano la libertà personale: «Dovrebbero occuparsi del loro servizio di trasporto, non fare i guru della salute del popolo o i moralisti», sostiene.

A suo avviso, simili divieti di fumo all’aperto e nel territorio della Città di Zurigo vanno un po’ troppo oltre. Per questo il verde liberale ha intentato un’azione legale presso il tribunale distrettuale della città sulla Limmat contro il «divieto arbitrariamente decretato dalle FFS».

Il portavoce delle FFS Reto Schärli sottolinea dal canto suo che il progetto si limita alle superfici gestite dalle ferrovie: «I viaggiatori che non si attengono al nuovo regolamento vengono avvicinati con gentilezza e glielo si fa notare - assicura -. Per questo non c’è bisogno di alcuna autorizzazione giudiziaria».

Il portavoce evidenzia che le zone senza fumo hanno un effetto positivo sulla sicurezza e la pulizia e, di riflesso, sulla qualità dell’esperienza dei passeggeri in stazione. Le FFS, conclude, stanno raccogliendo i pareri dei clienti a riguardo.

Il non fumatore pro fumatori Weidmann, però, è pronto ad andare fino al Tribunale federale per le sue idee: «Chi può muoversi in uno spazio pubblico così centrale deve potervi anche fumare», afferma.

BZ
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Silvana Canonica 1 anno fa su fb
Aspettiamo il divieto di circolazione X chi ha l alito pesante!?!?! Non esageriamo!!!!
Sergio Oliboni 1 anno fa su fb
Ma vada via al CÜÜ !!!!
Esty Minion 1 anno fa su fb
...e se si pensa... la confederazione ci guadagna con i fumatori!! quel giorno che non fuma più nessuno ci sarà un altro buco da fare topa... perché non entrano questi soldi... e si sa in che cassa entrano... avs ect... sono una ex fumatrice ma trovo assurdo un po tutto ultimamente francamente!
Silvana Canonica 1 anno fa su fb
Appunto! !! Che non si possa fumare in luoghi chiusi sono d accordo, ma mi sembra che si rasenti il ridicolo!!!! Allora chi mangia aglio e cipolle non dovrebbe poter entrare in luoghi chiusi!!!
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Dovrebbero fare delle zore riservate per i politici che non hanno niente da fare, come questo qua!...:-)))))
Rafaela Zysset 1 anno fa su fb
Da fumatrice accetto volentieri se vengono installate delle zone fumatori sui vari marciapiedi e zona stazione. Un divieto assoluto trovo sia esagerato. Per quanto riguarda la pulizia, sono favorevole a multare le persone che buttano sigarette al suolo. Insomma, ci vorrebbe solamente un poco di buonsenso e si potrebbe convivere molto meglio.?
Roland Roland 1 anno fa su fb
Dietrich Weidmann ha ragione, anch'io non voglio rispettare il divieto della FFS.
Miris Gregori 1 anno fa su fb
Quello li sarà uno che si fuma la canapa di sicuro ???
Wilfried Passaglia 1 anno fa su fb
Nell'articolo viene citato il portavoce delle FFS che evidenzia che le "zone senza fumo hanno un effetto positivo sulla sicurezza e la pulizia". Per quanto riguarda la pulizia OK.Ma qualcuno mi può spiegare quali effetti sulla "sicurezza" dovrebbero avere queste misure negli spazi all'aria aperta delle stazioni? A me sembra che per sicurezza s'intendono misure atte a prevenire ev. atti criminali e terroristici.ps: sono un ex fumatore
Lucilla Ferrara 1 anno fa su fb
Il mio non fumare non danneggia nessuno, il contrario si. E allora non ci dovrebbe nemmeno essere dibattito; si privilegia l’assenza di danni alla collettività, il bene comune, a scapito del diritto di un piacere personale. Chi vuole fumare lo faccia (anche se poi i costi ce li dobbiamo assumere tutti) ma solo dove non impesta la vita e la salute altrui.
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
forse le sfugge che non solo chi fuma si ammala ti tumore ed è un costo per la collettività. Pensi che in casa mia io e mio padre fumiamo da sempre e l'unica che ha avuto problemi di tumore è stata mia madre che non ha mai toccato una sigaretta
Lucilla Ferrara 1 anno fa su fb
Lucrezia Novelli anch’io ho il classico nonno che ha vissuto in formissima fino a 101 anni in casa sua mangiando tutto quello che non si deve e bevendo il suo vino (ma non ha mai fumato). Ma un conto sono le eccezioni, un altro sono i dati medici e statistici che provano senza ombra di dubbio la correlazione tra fumo e svariate malattie da esso attivate.
Chiara Ferroni 1 anno fa su fb
Ma cosa date visibilità a personaggi del genere? Va beh la libertà di espressione, ma qua mi pare che fate articoli su cani e porci....
Vesna Setek 1 anno fa su fb
Scusate IO ho sempre Rispetto verso non fumatori e ho mio portacenere da borsetta . Rispetto DI non fumatori c'è pochissima! Sta diventando una fobia come tante altre. Basta!
robyk 1 anno fa su tio
Stato di polizia !!
Séverine Aguilar 1 anno fa su fb
non fum piu ...pero quando fumavo e mi faccevo neuchatel zurigo locarno aspettavo solo di fumarne una a zurigo durante il cambio e una ad arth goldau :D
MIM 1 anno fa su tio
Concordo con Weidmann
Shion 1 anno fa su tio
Evidentemente c'è gente che non ha ancora visto altri Paesi dove sono più avanti in tante cose. Ovvio, codesti Paesi sono un po' più cari per andarci in vacanza.
tip75 1 anno fa su tio
dovrebbero anche multare e proibire gli idioti..
tkch 1 anno fa su tio
Io sono per il rispetto. Fumare non è obbligatorio, ma chi non fuma è obbligato a sopportare odore e conseguenze. In stazione (ed in altri luoghi pubblici) ci sono lavoratori che sono obbligati a stare li. Secondo me è giusto tutelare chi non fuma. Ricordiamoci che: fumare non è ne un obbligo ne un diritto. Altrimenti inizio a girare nudo in città e al diavolo la decenza pubblica (viola le mie libertà personali). Quante cose possiamo fare solo in determinati luoghi? Gare in auto, sparare a dei bersagli, .... è giusto che le cose nocive/pericolose vengano ristrette ad aree limitate.
Sandra Rezzonico-Abderhalden 1 anno fa su fb
Quando uno spazio è ristretto e la gente deve stare cosi vicina è giusto che si difenda la salute della gente, e dei bambini. Il fumo fa male, si sa, non è una fantasia, è scientificamente accertato. Se si puó evitare di aggiungere porcherie all’aria schifosa che già ci tocca respirare, lo si faccia, E anzi, pure i fumatori dovrebbero essere felici di questo stimolo per ridurre l’assunzione di schifezze nei propri polmoni! Chiaro che certe norme a tanti danno fastidio, ma lo trovo un comportamento infantile. La mia libertà finisce dove inizia la tua, e con la salute non si scherza. Liberi di intossicarvi a morte da soli dove vi pare ma io sinceramente vorrei evitare di respirare il vostro fumo! I miei amici fumatori comunque sono d’accordo con queste norme e le accettano tranquillamente. Non vedo dove sia il grosso problema!
Igor Gutschen 1 anno fa su fb
io sono un non fumatore però, mi sembra davvero ridicolo che in una stazione all'aperto una persona non possa fumare. Chi fuma, rispetta i divieti imposti da tempo nei locali pubblici però, sinceramente fa più male la str.... che porta i figli a scuola con il suv; insomma vediamo di stare tutti più sereni. Mio nonno è morto a 98 anni e fumava un pacchetto di sigarette al giorno. Se dobbiamo crepare, crepiamo e basta. Mente un mio caro amico, faceva sport tutti i giorni ed è morto a 44 anni, una mia collega è già al terzo tumore, eppure beve tisane e mangia cibo biologico e non tocca la carne. Insomma non credo che la salute migliori per via di una sigaretta. Pensiamo alle creme che ci si sbatte in faccia, piene di petrolio, in particolare voi donne che ne fate un utilizzo demenziale e che con il sudore rilasciano pure esalazioni, che tutti devono respirare...
Sandra Rezzonico-Abderhalden 1 anno fa su fb
Igor le esalazioni di sudore per quanto siano spiacevoli non fanno venire il cancro. Se non ci fosse tanta gente ammassata in stazione il suo discorso potrei accettarlo. Ma siccome non è cosi e siamo li incollati come formichine tutto cambia. Felice per suo nonno ma amo la mia vita e quindi nel dubbio preferisco non fumare e decidere da sola se aumentare il rischio di prendermi il cancro o meno. Spesso la mattina un fumatore crea nubi tossiche mentre aspetta il treno. Se sei dietro di lui ti becchi tutto il suo fumo e non ti puoi spostare più di tanto e lo trovo davvero brutto.
Nadia Tucci 1 anno fa su fb
Inoltre è la prassi ormai in tutte le stazioni d'Europa e non, non è un'invenzione di certo.
Alain Radaelli 1 anno fa su fb
In alcune città degli Stati Uniti è vietato fumare in strada dove c'è altra gente
Wilfried Passaglia 1 anno fa su fb
Condivido in larga parte il discorso sulla salute. Mi permetta di farLe però due domande: Lei ha un'automobile e forse prende anche l'aereo di tanto in tanto? Se le Sue risposte sono negative dimentichi le mie domande. Se invece sono positive mi permetto di farLe una terza domanda: non crede che il Suo discorso nei confronti dei fumatori potrebbe valere benissimo anche per i guidatori e i passeggeri d'aereo? Insomma: la morale va bene. Ma non facciamola troppo selettiva PF.Cordialmente.
Sandra Rezzonico-Abderhalden 1 anno fa su fb
Signor Passaglia guardi lei ha ragione, io uso l’auto e pure l’aereo ogni tanto e quindi sicuro non sono migliore degli altri. Sono di larghe vedute e tollerante, lungi da me fare la santerellina, peró non capisco perché ogni volta che si decide qualcosa di buono per la maggioranza della gente, bisogna sempre reclamare, abbiamo bisogno di qualche regola per il bene comune. Quando si deciderà di vietare l’automobile (discorso un po’ diverso comunque dall’utilizzo dell’inutile sigaretta?) ne prenderó atto.
Roland Roland 1 anno fa su fb
Cara Sandra, si dimentica, che il fumo delle macchine e della industria fa piu male alla salute dei suoi bambini. Il fumo di una cigaretta e cosi minima, che nemeno arriva nel suoi corpi. Lei non deve credere tutto quello che scrivono nei giornali contro le cigarette. Ogni uno dev'essere libero di consumare quello che vuole. Viviamo in una democrazia, per fortuna.
Sandra Rezzonico-Abderhalden 1 anno fa su fb
Certo! Sono d’accordo sul fatto che ognuno sia libero di consumare quello che vuole, se illegale pure, le conseguenze delle sue azioni sono solo sue. Appunto per questo bisogna rispettare anche chi non desidera per es questo fumo passivo nei luoghi pubblici. Mi irrita dover respirare fumo altrui, anche se non dico mai nulla! Se lo proibiscono saró contenta ma non è rompo le scatole se accade. Se non fumo non entro nella libertà altrui. Se fumo invece si, limito la libertà altrui di non fumare. La penso quindi esattamente come lei. Libertà del singolo! Idem secondo me per le droghe o alcool. Se uno vuole consumare queste sostanze lo faccia pure, ma se guida l’auto sotto l’effetto di queste sostanze entra di fatto nella libertà altrui, mettendone a rischio la vita. Il discorso è sempre lo stesso, per me guardi, ognuno è libero di fare quello che vuole della propria vita, a patto di non intaccare la vita e le decisioni altrui. Tutto qui...vede? Alla fine la penso esattamente come lei...
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Sandra Rezzonico-Abderhalden ma da dove parti mi scusi perchè di stazioni affollate in Ticino non ne ho mai viste
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Nadia Tucci ma dove? in tutte le stazioni del mondo all'aperto fumi, non diciamo cose non vere
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Sandra Rezzonico-Abderhalden qualcosa di buono per la maggioranza della gente secondo lei, non è detto che quello che per lei è buono lo sia anche per me. Se fosse cosi pericoloso in fumo anche all'aperto allora non dovrebbero piu' vendere legalmente le sigarette.
Lucrezia Novelli 1 anno fa su fb
Sandra Rezzonico-Abderhalden se a lei da fastidio il fumo anche all'aperto non sono io che limito la sua libertà ma lei che limita la mia, si sposti
Willy Zucchetti 1 anno fa su fb
Mi ricordo un cartello appeso a una porta di una sala di teoria in un aeroporto.era in tedesco e fa piu effetto.lo traduco i signori fumatori sono pregati di foraggiare i loro cancri all esterno del locale. Eravamo a sSanVittore anno 1979.......
matteo2006 1 anno fa su tio
Onestamente da fumatore il divieto nei ristoranti e aggiungerei pure all'aperto perchè da fastidio se al tavolo a fianco anche se all'aperto c'è un fumatore e ora questo nelle stazioni li ritengo giusti. Certo è che la tendenza se gli dai una mano ti prendono il braccio e non potrò nemmeno più godermi due boccate in giardino di questo passo.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Queste crociate anti fumo non le capirò mai. Va benissimo non fumare al ristorante o in luoghi chiusi, perché chi non fuma ha il sacrosanto diritto di non avere a che fare col fumo passivo. Estendere il divieto anche a zone che si trovano all’aria aperta però mi pare ridicolo. Piuttosto punirei severamente chi getta i mozziconi a terra, perché crea costi e sporcizia. Poi una domandina... ma se smettessero tutti di fumare lo stato dove andrebbe a prenderli tutti i soldi che guadagna grazie alle tasse sul tabacco?
F/A-18 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Stai tranquillo che lo stato sa sempre dove andare a prendere i soldi......, piuttosto non sono d'accordo con te per la questione costi, ti ricordo che l'esercito dei fumatori genera alla società una valanga di costi sanitari in più, meglio un qualsiasi sport all'aria aperta, fosse anche una semplice passeggiata, per sopperire allo stato ansioso del fumatore cronico.
matteo2006 1 anno fa su tio
@F/A-18 I costi della salute aumentano ma non è sicuramente a causa dei fumatori andando poi a vedere i dati forniti dalla confederazione i fumatori stanno diminuendo negli ultimi decenni, il 15% dei decessi è imputabile al fumo in svizzera, gli incassi annui della confederazione sono 2 miliardi ma le spese non sono a carico della confederazione ma nostre tramite la cassa malati. Poi si potrebbe aprire un discorso tanto ampio che potremmo arrivare al limite di caratteri massimo di questo campo di testo in merito a se è giusto pagare o meno chi fuma ma mi fermo subito, non ha senso iniziarlo perché quello che va bene a me non va bene a te e a qualcun altro.
Zico 1 anno fa su tio
@F/A-18 non dimenticare che, se è vero come è vero, che i fumatori muoiono prima i costi generati sono compensati dal NON versamento di AVS e della cassa pensioni a questi che decedono prematuramente. e sono biglitti da mille ogni mese. quindi il ragionamento contro il fumo non sta in piedi. io sono non fumatore, ma non vedo perchè negli stazi all'aperto non si possa fumare.
matteo2006 1 anno fa su tio
@Zico hai ragione mica ci avevo pensato all'avs che lo stato si cucca.
F/A-18 1 anno fa su tio
@Zico Hai ragione, consiglio quindi ai fumatori di raddoppiare la dose di sigarette fumandone due contemporaneamente, ne beneficia l'avs, lo stato con le tasse da tabacco e i produttori di tabacco.
elvicity 1 anno fa su tio
ridicolo non poter fumare nei treni ... si aspetta solo per uscire ed accendere una sigaretta, ma il proibizionismo comincia prendere sempre più man forte
pontsort 1 anno fa su tio
@elvicity Peccato non poter piu viaggiare su delle camere a gas
elvicity 1 anno fa su tio
@pontsort hahaha... guarda per il rispetto degli altri viaggiatori si può anche fare senza per qualche ora.. ma una volta scesi dal treno all'aperto non ci devono essere proibizioni.
Onofelix Camponovo 1 anno fa su fb
Bravissimo, ha ragione!!
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
SVIZZERA
2 ore
Nuova vincita all’EuroMillions: 135 milioni di franchi
Il jackpot è stato conquistato con la combinazione 8, 10, 15, 30 e 42, e le "stelle" 4 e 6
VAUD
2 ore
Interviene per fermare un vandalismo e viene pestato a sangue dalla baby gang
Un uomo è stato ferocemente aggredito dal branco il 12 novembre alla stazione di Vevey. 4 minorenni sono stati fermati. La polizia: «Sono recidivi. In questi casi non correte rischi e chiamate il 117»
VIDEO
SVIZZERA
2 ore
2'200 classi delle medie contro il fumo
Gli allievi che partecipano a "Progetto Nonfumatori" si impegneranno a non fumare sigarette e a non consumare altri prodotti a base di nicotina per sei mesi
BERNA
7 ore
Una webcam messa dal capo le riprende otto ore al giorno
Il curioso caso di un fiorista di Berna che trasmette in streaming le giornate delle dipendenti, loro: «È inquietante», la datrice: «Così vendiamo di più».
VIDEO
ZURIGO
18 ore
La campagna shock della Polizia contro i video vietati sugli smartphone
Sono tantissimi i giovani svizzeri che hanno clip di violenza o porno estremo sui loro smartphone, le autorità: «È illegale, cancellateli»
GINEVRA
20 ore
Una moneta d'oro da 170.000 franchi
Battuto all'asta a Ginevra un pregiato pezzo prodotto per commemorare la fine del restauro di Notre-Dame a Parigi nel 1864
SVIZZERA
20 ore
Easyjet: aumentano i passeggeri in Svizzera
La compagnia inglese a basso costo ha trasportato nell'esercizio 2018/2019 15,1 milioni di persone
BASILEA CITTÀ
22 ore
Stormy Daniels non potrà venire in Svizzera per Extasia
La pornodiva della querelle con Trump doveva essere il volto della fiera hard renana, per lei pare ci siano stati problemi di passaporto
FOTO
SVIZZERA / MONDO
23 ore
Dove andare (o non andare) in vacanza? Te lo dice la mappa dei rischi
Quali pericoli e quali incognite si nascondono nei vari Paesi del mondo? Quali nazioni possono considerarsi sicure e quali no? Lo spiegano gli esperti di International SOS e Control Risks
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile