BERNA
25.02.18 - 10:270
Aggiornamento : 14:38

Scandalo Autopostale, Susanne Ruoff minacciata di morte

Fra le varie misure intraprese vi è anche la messa in sicurezza di uno chalet a Crans-Montana

Lo scandalo che ha travolto AutoPostale ha scaldato talmente gli animi che la direttrice generale dell'azienda Susanne Ruoff è stata minacciata di morte. A sostenerlo è il domenicale "SonntagsBlick".

La Posta ha confermato al giornale che sono «state prese le misure necessarie per proteggere» la Ruoff. Secondo quanto pubblicato, l'azienda avrebbe richiesto i servizi della società di sicurezza privata Securitas, in modo da elaborare un piano per tutelare la direttrice.

Fra le varie misure intraprese vi è anche la messa in sicurezza di uno chalet a Crans-Montana (VS), con possibilità - in caso di necessità - di allestire una sorveglianza continua.

Il caso che ha coinvolto AutoPostale ha avuto un grande impatto a livello mediatico. L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha scoperto operazioni illecite - emerse durante la revisione dei conti - per un totale di 78,3 milioni di franchi dal 2007 al 2015. Si tratta di sovvenzioni federali e cantonali ottenute con trucchi contabili.

Ieri la ministra dei trasporti Doris Leuthard ha domandato un'inchiesta sul caso. Dopo che il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) e la giustizia bernese si sono dichiari non competenti, il governo sta valutando se sia possibile passare tramite un'unità dell'Amministrazione federale.

TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report