BERNA
13.02.18 - 10:260

Assegni familiari: no alla perequazione obbligatoria

È quanto propone la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati, respingendo una mozione in tal senso con 5 voti contro 4 e 1 astensione

BERNA - No all'introduzione nei Cantoni di una perequazione completa obbligatoria degli oneri tra le Casse per assegni familiari (CAF). È quanto propone la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati, respingendo una mozione in tal senso con 5 voti contro 4 e 1 astensione.

Gli assegni familiari sono finanziati mediante una quota percentuale del salario prelevata dai datori di lavoro, spiega una nota odierna dei Servizi del Parlamento. Le aliquote variano considerevolmente a seconda del Cantone e della cassa di compensazione. La perequazione degli oneri, chiesta dalla mozione del consigliere agli Stati Isidor Baumann (PPD/UR), voleva ripartirli più equamente fra tutte le CAF di un Cantone.

Attualmente la decisione se introdurre la perequazione degli oneri per gli assegni familiari è lasciata ai Cantoni: in 16 hanno deciso di introdurla parzialmente o integralmente, mentre 7 hanno scelto di non adottarla. In Ticino la sua introduzione è già stata decisa, mentre a Zurigo e a Berna sono in corso discussioni, si legge nella nota. La commissione ritiene che a livello federale non vi sia bisogno di legiferare in questo ambito. I Cantoni devono pure continuare ad avere la libertà di introdurla (anche parzialmente) o meno, secondo la commissione.

TOP NEWS Svizzera
Economia
5 ore
Swiss riduce i voli verso l'italia
I passeggeri che hanno prenotato un volo cancellato potranno scegliere di venir trasferiti o di farsi rimborsare
SONDAGGIO
Cronaca
5 ore
Posso stare lontano dal lavoro a causa del virus?
Alcune compagnie proibiscono la stretta di mano. Gli assistenti di volo rifiutano i viaggi in Italia. Parla l'esperto
Cronaca
6 ore
Coronavirus: Coira vieta eventi a partire da 50 persone
L'obiettivo è quello di garantire la maggiore tracciabilità possibile delle persone infettate
Economia
8 ore
Coronavirus: la Borsa elvetica chiude in profondo rosso
Oggi è stato registrato un calo dello SMI pari al 3,67%. Ma per tutta la settimana si parla di un -12%
Attualita
8 ore
A Wuhan migliaia di contagi già prima della quarantena
È l'ipotesi avanzata da ricercatori del Politecnico di Zurigo: l'epidemia sarebbe partita già all'inizio di novembre
Attualita
9 ore
Brucia un negozio di animali, trenta sfollati
Il rogo è scoppiato stamani a Coira. I pompieri sono intervenuti con una settantina di uomini
Attualita
10 ore
Sciare costa di più col dynamic pricing
Le critiche dell'organizzazione dei consumatori SKS al modello tariffario introdotto in diversi comprensori invernali
Attualita
14 ore
Il coronavirus cancella il Salone dell'auto
Ma si parla anche del carnevale di Basilea e delle partite di calcio
Cronaca
16 ore
Coronavirus: 15 casi in Svizzera. Stop ai grandi eventi
Il provvedimento scatta immediatamente ed è valido almeno fino al prossimo 15 marzo. Berset: «È una situazione inedita»
Economia
17 ore
La borsa svizzera cala a picco
Tutti i principali mercati europei (ma non solo) hanno vissuto aperture da profondo rosso a causa dell'epidemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile