BERNA
13.02.18 - 10:260

Assegni familiari: no alla perequazione obbligatoria

È quanto propone la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati, respingendo una mozione in tal senso con 5 voti contro 4 e 1 astensione

BERNA - No all'introduzione nei Cantoni di una perequazione completa obbligatoria degli oneri tra le Casse per assegni familiari (CAF). È quanto propone la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati, respingendo una mozione in tal senso con 5 voti contro 4 e 1 astensione.

Gli assegni familiari sono finanziati mediante una quota percentuale del salario prelevata dai datori di lavoro, spiega una nota odierna dei Servizi del Parlamento. Le aliquote variano considerevolmente a seconda del Cantone e della cassa di compensazione. La perequazione degli oneri, chiesta dalla mozione del consigliere agli Stati Isidor Baumann (PPD/UR), voleva ripartirli più equamente fra tutte le CAF di un Cantone.

Attualmente la decisione se introdurre la perequazione degli oneri per gli assegni familiari è lasciata ai Cantoni: in 16 hanno deciso di introdurla parzialmente o integralmente, mentre 7 hanno scelto di non adottarla. In Ticino la sua introduzione è già stata decisa, mentre a Zurigo e a Berna sono in corso discussioni, si legge nella nota. La commissione ritiene che a livello federale non vi sia bisogno di legiferare in questo ambito. I Cantoni devono pure continuare ad avere la libertà di introdurla (anche parzialmente) o meno, secondo la commissione.

Tags
assegni familiari
perequazione
assegni
commissione
stati
mozione
cantoni
oneri
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report