Keystone
SVIZZERA / FRANCIA
06.02.18 - 21:280

Tariq Ramadan in prigione per un documento smarrito?

L’islamologo afferma che il pomeriggio in cui è accusato di avere stuprato una donna, si trovava in realtà in volo. Il biglietto, però, sarebbe stato "perso" dalle autorità

PARIGI - Un documento «non ancora verificato» potrebbe scagionare dalle accuse di stupro Tariq Ramadan, che si trova in detenzione a Parigi dalla scorsa settimana.

L’islamologo svizzero è sotto inchiesta per violenza sessuale, al centro di due denunce per stupro relative a fatti del 2009 e 2012, avvenuti a Rouen. Una donna accusa Ramadan di averla abusata in un hotel di Lione nel 2009. Ma ci sarebbe un documento - secondo quanto riferisce Le Parisien - che potrebbe smentire il suo racconto.

Ramadan avrebbe infatti prenotato un volo da Londra a Lione il 9 ottobre 2009, data del presunto stupro. Alle 18.35 l’aereo è atterrato all’aeroporto Saint-Exupéry, dove l’islamologo era atteso per una conferenza alle 20.30. Per i suoi difensori, questo documento metterebbe definitivamente in dubbio l’accusa della donna, che sostiene di avere subito la violenza «nel pomeriggio».

Gli investigatori francesi hanno fermato Ramadan lo scorso mercoledì a Parigi, dove era stato convocato nel quadro dell’indagine. Due giorni dopo, il fermo è stato tramutato in arresto. Il documento in questione, però, è entrato in possesso degli investigatori solo giovedì. Non è quindi stato possibile verificarne l’attendibilità - ad esempio contattando la compagnia aerea - prima che Ramadan comparisse davanti al giudice, lo scorso venerdì.

La prenotazione del volo rientra in una nota datata 6 dicembre e trasmessa dagli avvocato difensori di Ramadan alla sezione P20 della procura di Parigi, incaricata di dirigere l’inchiesta preliminare aperta lo scorso 20 ottobre. Una mail del 7 dicembre conferma la ricezione del documento. Denunciando la «mancanza di comunicazione», gli avvocati difensori hanno inviato una lettera al procuratore generale, recriminando che il loro cliente non sia mai stato interrogato in merito a questo presunto alibi. Il documento sarebbe infine entrato nell’incarto dell’indagine solo il 1. febbraio.

Resta in carcere - Il giudice delle misure coercitive ha deciso oggi a porte chiuse che Ramadan resta in carcere. Il 55enne, nipote del fondatore del movimento fondamentalista dei "Fratelli musulmani", continua a negare gli addebiti.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La "soglia dei mille" sta per saltare?
Secondo indiscrezioni, il limite agli assembramenti non verrà rinnovato a settembre
SVIZZERA
3 ore
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
5 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
5 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
8 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
9 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
10 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
10 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile