Keystone
SVIZZERA
05.02.18 - 15:220

Il sole picchia in montagna: «Proteggersi è fondamentale»

Vestiti adeguati, copricapo, occhiali da sole e crema: la Lega contro il cancro dà i suoi consigli per evitare che i raggi solari provochino dei danni

BERNA - D'inverno in montagna bisogna proteggersi indossando vestiti adeguati, un copricapo e occhiali da sole, nonché applicando sulla pelle una crema solare che difenda dai raggi UVA e UVB. Questi alcuni consigli forniti dalla Lega contro il cancro, che ricorda come i raggi siano particolarmente intensi in altitudine e quando c'è neve.

Basti pensare che ogni 1'000 metri di altitudine l'intensità dei raggi UV aumenta all'incirca del 10%, mentre la neve riflette fino al 90% della luce del Sole, ricorda l'organizzazione di utilità pubblica in una nota odierna.

Il freddo e le nuvole spesso ci fanno sottovalutare l'intensità dei raggi solari, ma anche in quel tipo di giornate fino all'80% dei raggi dannosi oltrepassa la coltre di nubi e ci raggiunge, avverte la Lega contro il cancro. Inoltre, dopo i primi mesi invernali la pelle è estremamente sensibile.

I danni provocati dai raggi UV sono la causa principale dell'insorgere del cancro della pelle. Ogni anno in Svizzera circa 2'700 persone si ammalano di melanoma e circa 320 ne muoiono, mette in guardia la Lega contro il cancro.

Oltre a indumenti adeguati, una crema solare con fattore di protezione di almeno 30, nonché una protezione per le labbra, l'organizzazione mantello ricorda che quando si acquistano occhiali da sole o da sci è importante accertarsi che abbiano l'etichetta CE con la dicitura "100% protezione UV fino a 400 nanometri", idealmente con lenti marroni o grigie.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare
Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.
SVIZZERA
1 ora
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
1 ora
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
2 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
2 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
4 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
4 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
5 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
7 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile