Keystone
BERNA
30.01.18 - 06:590
Aggiornamento : 08:59

Ancora sciopero per il personale dell'ats

L'agenzia telegrafica svizzera ha deciso di incrociare nuovamente le braccia da stamattina alle 6.30 per ribadire le sue richieste: nessun licenziamento senza trattative

BERNA - Nel corso di un’assemblea del personale dell’ATS è stato deciso ad ampia maggioranza di indire uno sciopero per oggi, a partire dalle 6.30 e con durata imprecisata. In questo modo i dipendenti intendono segnalare in maniera decisa di non essere disposti ad accettare la posizione inflessibile della direzione. I colloqui di licenziamento sono stati portati avanti malgrado lo sciopero di avvertimento e la ferma opposizione della redazione. Quest’insistenza nel procedere viene giustificata solo con ragioni legate ai costi. A livello strategico per contro l’ATS rimane senza una guida al timone. I dipendenti chiedono nuovamente alla direzione di continuare le trattative. Allo stesso tempo si rivolgono anche al Consiglio di amministrazione esortandolo a intervenire.

Rispondendo alla risoluzione della redazione, la direzione dell’ATS ha mostrato di non essere disposta a concedere nulla sulle rivendicazioni principali. Ciò - secondo syndicom - non manca di destare stupore, vista la veemente opposizione dei dipendenti. Nel corso dello sciopero nazionale dell’ATS dello scorso 23 gennaio 2018 tutta la redazione ha incrociato le braccia per tre ore. Si è trattato di un chiaro segnale di rifiuto nei confronti dell’atteggiamento «senza scrupoli» della direzione. La direzione ha soddisfatto una sola delle richieste contenute nella risoluzione: dopo ripetute insistenze della Coré e di fronte al crollo mentale di diversi dipendenti ha acconsentito di fornire sostegno psicologico. Il compito è stato però affidato non a psicologi ma ad assistenti sociali. La Coré sottolinea che l’offerta di un aiuto psicologico è un obbligo del datore di lavoro nell’ambito del dovere di tutela del personale.

«La direzione dell’ATS ha perso ogni credibilità»

Per syndicom, oltre all’atteggiamento prepotente e alla scarsa disponibilità alle trattative alla pari dimostrati finora, la direzione dell’ATS ha rilasciato di recente alla stampa dichiarazioni che le hanno fatto perdere ogni credibilità agli occhi dei dipendenti. Queste dichiarazioni mostrano chiaramente che la direzione non si sente minimamente responsabile nei confronti del personale dell’azienda. Secondo quanto detto dal CEO Markus Schwab in un’intervista, egli risponde del proprio agire solo agli azionisti. In questo modo è andata completamente persa ogni fiducia nella direzione. 

Il Consiglio di amministrazione deve assumere la sua responsabilità nelle trattative

Vista la situazione e dato che il rapporto di fiducia tra dipendenti e direzione è stato inesorabilmente distrutto, solo il Consiglio di amministrazione, che ha la responsabilità strategica dell’azienda, può trovare una soluzione a questo conflitto. Perché in ultima analisi è lo stesso organo di sorveglianza all’origine delle misure adottate dal CEO. I dipendenti ribadiscono la loro disponibilità a discussioni aperte e trasparenti sulla portata dei licenziamenti. Ma finora le informazioni necessarie per valutare obiettivamente la situazione non sono state fornite. 

Il taglio occupazionale mette in pericolo il servizio informativo di base e i contribuiti della Confederazione

La soppressione dei posti di lavoro nella misura proposta non solo ha distrutto il rapporto di fiducia con la direzione, ma mette anche in forse la diffusione di notizie a livello nazionale, di notizie provenienti da tutta la Svizzera. Queste prestazioni dell’ATS sono particolarmente importanti per i piccoli e i medi editori privati che dispongono di mezzi finanziari limitati. Anche l’eventuale contributo della Confederazione di due milioni di franchi è messo in pericolo da un taglio occupazionale di queste dimensioni. syndicom si chiede quindi quanto sostenibile sia la via intrapresa dalla direzione dell’ATS se essa distrugge la qualità delle prestazioni finora fornite, se avvelena il clima di lavoro e se mette in pericolo entrate milionarie.

 

1 anno fa Il personale dell'ats incrocia le braccia
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
32 min

Lo sciopero ha fatto breccia, gli Stati vogliono più donne nelle grandi aziende

La Camera dei cantoni ha accolto l'idea (27 voti a 13) di introdurre delle "quote rosa" anche nelle direzioni delle imprese quotate in borsa e non solo nei CdA

VAUD
2 ore

La nonna non se ne capacita: «Solo qualche giorno fa stavano bene...»

Regna l'incomprensione fra i parenti della famiglia belga trovata morta ad Apples. Nel frattempo proseguono le indagini per capire cosa abbia portato al decesso di Michaël, Agnès e Ryan

GINEVRA
3 ore

Morta nel Lemano durante il nubifragio, era amica dei reali di Svezia

La 68enne svedese si trovava su una barca che sabato è affondata al largo del porto di La Belotte, a Vésenaz. È grande il cordoglio in patria

VAUD
4 ore

Le cimici dei letti aggrediscono il battaglione di zappatori carristi

Una trentina di militari presenta le punture tipiche

FOTO
GRIGIONI
4 ore

Le fiamme distruggono la stalla ma risparmiano il castello

Un violento incendio è divampato stamattina nel pressi del Castello di Ortenstein. I danni ammontano a centinaia di migliaia di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report