Keystone
BERNA
21.01.18 - 11:530
Aggiornamento : 14:44

I pazienti che non seguono le terapie provocano costi miliardari

Un malato cronico che segue la prescrizione costa in media 13'000 franchi all'anno. Se non si attiene alle indicazioni del medico l'onere è di 52'000 franchi

BERNA - Ogni anno vengono sprecati miliardi di franchi nel settore sanitario svizzero a causa di pazienti che si rifiutano di assumere medicinali prescritti o di seguire le terapie decise dal medico. È quanto emerge da un'analisi effettuata dall'organizzazione di assicuratori malattia Santésuisse di cui riferisce oggi la SonntagsZeit

Se solo 110'000 dei 2,2 milioni di persone affette da malattie croniche in Svizzera aumentassero il loro grado di conformità alle terapie sarebbe possibile risparmiare 4 miliardi di franchi, su un totale di 80 miliardi.

I calcoli di Santésuisse si basano su stime, proiezioni e su studi in parte datati concernenti altri paesi, visto che in Svizzera non vi sono dati. Nonostante questi limiti stando alla SonntagsZeitung le cifre posso però fornire indicazioni sull'ordine di grandezza del problema.

Concretamente un malato cronico che segue la terapia costa in media 13'000 franchi all'anno. L'individuo nelle stesse condizioni che non si attiene alle indicazioni del dottore è invece all'origine di un onere quattro volte superiore, pari a 52'000 franchi.

Contattata dalla SonntagsZeitung una portavoce di Santésuisse sottolinea che si tratta di cifre teoriche: è impensabile che tutti seguano i dettami del medico. Ma anche solo operando piccoli passi si potrebbe risparmiare molto. Per esempio si potrebbe raggiungere meglio i pazienti che si dimenticano di prendere le pillole, attraverso un sistema di segnalazioni con SMS.
 
 

Commenti
 
lollo68 2 anni fa su tio
Più di un quarto della popolazione è malato cronico? Capisco perché la cassa malati è diventata così cara!
Tato50 2 anni fa su tio
Ma se i Medici, per una nuona terapia, prescrivessero una confezione da 30 pastiglie invece di 100, forse sarebbe meglio. Se il paziente ha degli effetti collaterali peggiori della malattia trattata si cambia cura e non si buttano nel cesso centinaia di franchi. Non criminalizzate i pazienti ma date un'occchiata a certi "professionisti", parlo per esperienza, che ti mandano dal fisioterapista e poi si scopre che hai un cancro al rene ;-((((
siska 2 anni fa su tio
Ebbene sempre più contenta di potere levare le tende un giorno che sarà in quanto vivere in una società come questa mi fa sempre più schifo. Non é sempre così anche perché se hai dei gravi problemi di salute é necessaria una cura indeterminata e determinata dai medici o dal medico specialista se al contrario, non hai nulla di grave puoi sempre migliorare e cercare di gestire il problema affiancata dal tuo medico. Queste cifre vengono descritte dai pazzi dei pazzi. Per quanto mi riguarda se dovessi ammalarmi gravemente ho già fatto testamento e firmerò il modulo per esonerare i medici dalla mia scelta.
miba 2 anni fa su tio
Esatto, cifre teoriche, quindi meglio leggere più attentamente il bollettino parrochiale
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BASILEA CITTÀ
1 ora
«Smettere di combattere? Per me non è un'opzione»
Arnaud, un 18enne basilese, sta affrontando con grande coraggio la recidiva di un tumore al cervello. E nonostante le radiazioni non rinuncia ad andare a scuola
SVIZZERA
3 ore
Greta contro il WEF (su Twitter): «Non l'ho mai detto»
La giovane attivista contro il canale social ufficiale del Forum economico mondiale
GRIGIONI
10 ore
Sommaruga parla del clima, ma Trump è poco convinto
La presidente della Confederazione annuncia di voler affrontare la questione del riscaldamento globale. E l’espressione del presidente USA cambia
SVIZZERA
12 ore
«Due jumbo jet per confondere gli attentatori»
Per quale motivo il presidente americano Trump è arrivato a Zurigo con due Boeing 747-200B identici? La parola all’esperto di aviazione
GRIGIONI
13 ore
Trump: «Abbiamo fiducia al 100% nella Svizzera»
L'odierno incontro tra il presidente USA e la delegazione elvetica è durato una cinquantina di minuti. Sommaruga: «Abbiamo avuto una discussione molto aperta»
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
GRIGIONI
17 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
FOTO E VIDEO
BERNA
18 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
SVIZZERA
21 ore
«L'America sta vincendo di nuovo, come mai prima»
Donald Trump, intervenuto al WEF di Davos, ha sottolineato come fra i meriti della sua amministrazione ci sia il più basso tasso di disoccupazione di sempre
SVIZZERA
21 ore
Sommaruga: «Il mondo sta bruciando»
Sono state queste le prime parole della Presidente della Confederazione nel suo discorso di apertura della 50esima edizione del WEF
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile