Keystone - foto d'archivio
ZURIGO
20.01.18 - 15:180

Non partecipano al coro di Natale, genitore condannato

I bambini musulmani sono stati dispensati dal canto fuori dalla scuola, ma non dalla preparazione durante le ore di lezione. Il padre dovrà pagare 500 franchi

DIETIKON - «Non possono costringere i miei figli a cantare in una chiesa». È su questo presupposto che si basa la protesta di un uomo di Dietikon, svizzero di religione musulmana, che è stato condannato al pagamento di una multa per avere sottratto i suoi tre figli da scuola durante le prove del coro natalizio.

Le autorità cantonali della città di Dietikon - nel 2016 - hanno dispensato i bambini dal canto prima di Natale che ha avuto luogo fuori dalla scuola davanti a tutti i genitori. Tuttavia, non hanno accettato di riservare loro lo stesso trattamento durante le prove, che si tenevano durante le ore riservate alle lezioni.

Avendo il padre negato ai bambini di parteciparvi, è stato condannato al pagamento di una multa di 500 franchi per violazione della responsabilità genitoriale. L’uomo ha presentato ricorso e la corte distrettuale di Dietikon ha discusso il caso la scorsa settimana.

Contravvenzione confermata - Inizialmente il giudice ha ritardato il verdetto in quanto «sollevava questioni complesse». Secondo una dichiarazione rilasciata dal Consiglio centrale islamico della Svizzera (IZRS) - che rappresenta gli interessi del padre dei bambini - il tribunale ha ora confermato la sanzione. La famiglia, però, ha intenzione di ricorrere nuovamente, per violazione della libertà religiosa.

Per l’IZRS si è trattato di un'«assimilazione religiosa obbligatoria» che è «legalmente inammissibile». «I canti natalizi che parlano del Nuovo Testamento e nel modo in cui propongono la figura di Gesù - si legge nel comunicato - sono contrari alla confessione islamica e l’obbligo non è conforme a un ambiente scolastico».

«È integrazione» - Il consigliere comunale Jean-Pierre Balbiani (UDC) si è invece dichiarato soddisfatto del verdetto: «Partecipare ai canti natalizi è una parte naturale dell’integrazione». A 20 Minuten ha spiegato come «non faccia alcun male» ascoltare le melodie all’interno di una chiesa. «A Dietikon sono molte le famiglie con un passato migratorio, ma per fortuna casi come questi sono rari», ha infine sottolineato.

Anche il presidente cantonale dell'UDC Rochus Burtscher ha appoggiato la decisione del tribunale: «L’intolleranza inizia dove si ferma la tolleranza. Se ai bambini fa piacere cantare insieme a tutti gli altri in chiesa, i genitori non dovrebbero opporsi. La scuola non deve adattarsi ai fondamentalismi».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
26 min

Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi

Lo rivela uno studio universitario. La criminalità è in calo, ma non la percezione che abbiamo di essa. Per la metà degli svizzeri ci sono troppi stranieri, e 3 su 10 non vorrebbero i musulmani

SOLETTA
35 min

Bimba cade da cavallo e perde la vita

Dopo essere stata soccorsa è stata trasportata dalla Rega in ospedale, dove è morta

SVIZZERA
58 min

«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»

È l'opinione dell'economista francese Thomas Piketty, contrario alla sacralizzazione della proprietà. «Diminuendo la disuguaglianza aumenterà la crescita economica»

SVIZZERA
1 ora

Swisscom: «Noi non abbassiamo le tariffe»

Le offerte «sono dal nostro punto di vista promozioni temporanee promosse in un mercato saturo», afferma il responsabile delle finanze

SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore

Nino ma che combini? Giù i pantaloni davanti alla Casa Bianca

Schurter ha postato su Instagram (e poi rimosso) uno scatto con Lars Forster, Florian Vogel e Kurt Gross, taggando anche Donald Trump. Ora rischia una sanzione

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile